La Cina clona i maiali grazie ai robot

L'obiettivo è raggiungere l'indipendenza dalla carne estera

di Maria Barison 16 Giugno 2022 8:00

Secondo il South China Morning Post, ora esiste un processo di clonazione completamente automatizzato e apparentemente funziona come un incantesimo. In effetti, in un colpo leggermente brutale per gli scienziati umani, si presume che il sistema basato sull’intelligenza artificiale abbia ridotto drasticamente la quantità di errori osservati durante i tentativi di clonazione manuale. Creata dai ricercatori del College of Artificial Intelligence dell’Università di Nankai, questa tecnologia, che secondo gli scienziati ha facilitato la nascita di sette suinetti tramite scrofa surrogata, senza alcun coinvolgimento umano, potrebbe potenzialmente portare alla clonazione commercializzata di diventare una norma. La clonazione, che viene più comunemente eseguita attraverso quello che viene chiamato trasferimento nucleare di cellule somatiche, è delicata e richiede tempo. Le cellule vengono facilmente danneggiate lungo il percorso e sia l’errore umano che la noia generale della pratica sono stati i principali ostacoli alla commercializzazione.

La rimozione degli esseri umani dal processo complicato e dispendioso in termini di tempo ha contribuito a migliorare il tasso di successo. La tecnica potrebbe avvantaggiare l’agricoltura e i consumatori cinesi e contribuire a ridurre la dipendenza del paese dai riproduttori importati. La sicurezza alimentare su tutta la linea è in cima all’agenda del presidente cinese Xi Jinping e la carne di maiale è molto importante in Cina. È la carne più popolare del paese e l’industria del maiale si sta ancora riprendendo da un’epidemia del virus dei suini africani del 2018-19 che ha avuto un forte impatto sugli allevamenti interni. Secondo Reuters, la perdita di così tante scrofe sane ha comportato una maggiore necessità di importazioni di riproduttori e da allora l’industria ha cercato di riconquistare l’autosufficienza. Liu ha detto all’SCMP che spera che la pratica efficiente e automatizzata di clonazione si traduca in un bestiame di suino più accessibile e di alta qualità per le masse, aiutando anche gli sforzi nazionali di autosufficienza.

Fornire cibo accessibile a un numero più ampio di persone sarebbe sicuramente un grande vantaggio. Ma poiché la clonazione commerciale non è ancora mainstream, resta da vedere l’intera portata del suo impatto. Uno dei ricercatori, Pan Dengke, si è lamentato con l’SCMP del fatto che i suoi molti anni di lunghe ore curvo su cellule microscopiche hanno provocato problemi alla schiena e l’automazione potrebbe alleviare parte del dolore. “Il nostro sistema basato sull’intelligenza artificiale può calcolare la deformazione all’interno di una cella e indirizzare il robot a utilizzare una forza minima per completare il processo di clonazione, riducendo il danno cellulare causato dalle mani umane“, ha detto al giornale il suo collega Liu Yaowei.

Commenti