Il mistero sull’arresto del creatore dell’antivirus McAfee

McAfee arrestato o no? Fonti dell’ambasciata USA in Belize smentiscono, ma il re degli antivirus, principale sospettato di un brutale omicidio, è sparito.

di Stefania Calabrese 3 Dicembre 2012 11:36

Ricercato per omicidio da quasi tre settimane, John McAfee, l’inventore di uno degli antivirus più utilizzati al mondo, potrebbe essere stato arrestato dalla polizia del Belize, mentre stava per varcare il confine con il Messico.

A comunicare la notizia, senza fornire alcuna fonte ufficiale, è stato il blog del milionario americano. Le autorità del Belize tuttavia, interrogate dai media americani hanno smentito l’arresto.

McAfee è sospettato di aver ucciso con un colpo di pistola alla testa il proprio vicino di casa, Gregory Full, un noto costruttore di 52 anni, originario della California, con il quale aveva sostenuto diversi litigi. Ad aggravare la posizione del re degli antivirus c’è una denuncia a suo carico proprio da parte di Gregory Full, che lo accusava di comportamenti violenti e di aver esploso alcuni colpi di arma da fuoco come minaccia nei suoi confronti. La denuncia contro McAfee risale a mercoledì 7 novembre; tre giorni dopo Gregory Full è stato assassinato.
McAfee si era trasferito in Belize, ad Ambergris Caye, nella zona di San Pedro, nel 2008.
Il blog del programmatore, mediante il quale è stato comunicato il presunto arresto, risulta attualmente offline e non si hanno al momento ulteriori notizie circa la sorte del fuggitivo.

Commenti