Galles, uomo salvato da uno stato su Facebook

Il più utilizzato dei social network alla ribalta per aver salvato la vita ad uomo inglese rimasto paralizzato

di Simona Vitale 13 Ottobre 2011 11:37

Anche un social network può salvare la vita.

E’ quello che è accaduto a Peter Casaru, un 59enne inglese che vive da solo a Brecon, in una zona alquanto isolata del sud del Galles. Ebbene, una mattina Peter si è svegliato, senza riuscire più a muovere le gambe a causa di una paralisi alla spina dorsale. Il suo telefono cellulare era scarico e a nulla sarebbe servito urlare, dato l’isolamento della zona in cui vive.

Così l’unica speranza di poter avvertire qualcuno era internet. Così Peter si è lentamente trascinato dal letto al suo computer, è riuscito ad accenderlo e a postare come stato su Facebook una richiesta di soccorso.

Il messaggio scritto è stato il seguente: “Chiamate il 999, ho bisogno di un’ambulanza adesso, mi sono fratturato la schiena, sono bloccato, non ho il telefono e non ho gli occhiali. Aiutatemi, per favore”.

La richiesta ha mobilitato gli amici Facebook di Peter in tutto il mondo, ma l’ambulanza è giunta in pochi minuti grazie alla telefonata di una vicina di casa che abita a qualche chilometro dall’uomo. Pare che la paralisi di Peter sia stata causata dal riacutizzarsi di una frattura subita durante un incidente su un quad di qualche anno prima e che, a detta dei medici, avrebbe potuto ucciderlo.

Peter è grato ai suoi amici su Facebook che gli hanno salvato la vita, soprattutto per aver creduto alle sue parole, dal momento che l’uomo utilizza gli stati del social network soprattutto per scherzare.

Tutto è bene ciò che finisce bene!

Commenti