Foto di un buco nero, lo scatto del secolo

Il primo scatto di un buco nero che dista circa 55 milioni di anni luce dalla Terra

di fabiana 10 Aprile 2019 18:00

Impossibile non definirlo lo scatto del secolo e in effetti la foto del buco nero M 87, al centro della galassia Virgo A (o M87), distante circa 55 milioni di anni luce, è lo scatto del secolo, frutto del progetto internazionale Event Horizon Telescope (Eht) cui ha partecipato anche l’Italia con Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

La foto rappresenta la prima prova visiva diretta di un buco nero e della sua ombra mostrando l’immagine dell’orizzonte degli eventi del buco nero supermassiccio, con una massa equivalente a 6,5 miliardi di masse solari: gli esperti spiegano che all’interno dei buchi neri supermassicci che si trovano al centro delle galassie, la materia che viene attratta si riscalda. 

Cadendo nel buco nero va ad emettere la luce una parte della quale può essere anche osservabile con i radiotelescopi. 

Quella che viene rilevata la zona ‘in ombra’, ossia quella regione di ‘assenza di luce’ e che è tale perché la luce al suo interno viene assorbita dall’orizzonte degli eventi. Si tratta di un confine matematico in cui la forza di gravità è così forte che niente riesce a sfuggirle, nemmeno la luce.

I telescopi di Eht hanno finalmente offerto la risoluzione sufficiente per guardare su una scala dell’orizzonte degli eventi: l’orizzonte degli eventi non può essere visto direttamente, ma è possibile predire teoricamente come potrebbe apparire la regione di plasma che gli è molto molto vicina. 

E l’accordo fra la teoria e le osservazioni mostra che si tratta di un buco nero esattamente come predetto da Einstein. 

Lo scatto rappresenta una vera e proprio rivoluzione annunciata in sei articoli in un numero speciale della rivista Astrophysical Journal Letter e attraverso sei conferenze stampa.  

Commenti