Nasa fotografa e registra il suono di un buco nero

Riuscire a decifrare un buco nero non è stato semplice, ecco alcune osservazioni storiche.

di Maria Barison 13 Maggio 2022 2:13

Registrata dall’Osservatorio a raggi X Chandra dell’agenzia, la registrazione è delle onde di pressione emesse dal buco nero all’interno dell’ammasso di galassie di Perseo, che provoca increspature nel gas caldo dell’ammasso. La nuova “sonificazione” che è stata rilasciata quest’anno nell’ambito della Black Hole Week della NASA è essenzialmente una traduzione di dati astronomici, ingranditi di 57 o 58 ottave sopra il loro vero tono in modo che possano essere ascoltati dagli umani. “L’idea sbagliata popolare che non ci sia suono nello spazio ha origine dal fatto che la maggior parte dello spazio è essenzialmente un vuoto, che non fornisce alcun mezzo per la propagazione delle onde sonore“, ha affermato la NASA in una dichiarazione. “Un ammasso di galassie, d’altra parte, ha abbondanti quantità di gas che avvolgono centinaia o addirittura migliaia di galassie al suo interno, fornendo un mezzo per il viaggio delle onde sonore. Un altro modo per dirlo è che vengono ascoltati 144 quadrilioni e 288 quadrilioni di volte superiori alla loro frequenza originale. La scansione simile a un radar attorno all’immagine consente di sentire le onde emesse in direzioni diverse. Nell’immagine visiva di questi dati, il blu e il viola mostrano entrambi i dati dei raggi X acquisiti da Chandra.” La scoperta arriva un mese dopo che la NASA ha presentato una registrazione che ha rivelato che Marte ha due velocità del suono. A gennaio, New Scientist ha rivelato che un “oggetto misterioso” stava emettendo onde radio nello spazio. A novembre, la NASA ha condiviso una rappresentazione musicale di una nebulosa nello spazio profondo, la Butterfly Nebula, utilizzando la sonificazione dei dati, che comporta la conversione dei dati in suono. Se il video non funzionasse clicca qui.

Nasa fotografa e registra il suono di un buco nero

Da soli, i buchi neri sono semplicemente neri, ma è noto che questi mostri attrattori sono circondati da gas incandescente. L’immagine sotto risolve l’area intorno al buco nero al centro della galassia M87 su una scala inferiore a quella prevista per il suo orizzonte degli eventi. Nella foto, la regione centrale oscura non è l’orizzonte degli eventi, ma piuttosto l’ombra del buco nero, la regione centrale di emissione di gas oscurata dalla gravità del buco nero centrale. La dimensione e la forma dell’ombra sono determinate dal gas luminoso vicino all’orizzonte degli eventi, dalle forti deviazioni gravitazionali della lente e dalla rotazione del buco nero. Nel risolvere l’ombra di questo buco nero, l’Event Horizon Telescope (EHT) ha rafforzato la prova che la gravità di Einstein funziona anche in regioni estreme e ha fornito una chiara evidenza che M87 ha un buco nero rotante centrale di circa 6 miliardi di masse solari. Da quando ha rilasciato questa immagine in primo piano nel 2019, l’EHT si è ampliato per includere più telescopi, osservare più buchi neri, tracciare la luce polarizzata e sta lavorando per osservare le immediate vicinanze del buco nero al centro della nostra Via Lattea.

Commenti