Fine del mondo, costruito a Padova un bunker per mettersi in salvo

Un imprenditore locale lo ha fatto realizzare sotto la sua villa in vista dell'imminente Apocalisse Maya del 21 dicembre 2012.

di Simona Vitale 13 dicembre 2012 16:03

Manca davvero poco ormai. Con l’inesorabile trascorrere dei giorni il temutissimo 21 dicembre 2012 è in dirittura d’arrivo e, finalmente, sapremo se la profezia Maya si avvererà ponendo fine al mondo conosciuto. E, sebbene la comunità scientifica si sia prontamente messa all’opera per cercare di far capire alle persone che si tratta solo di leggende senza alcun tipo di fondamento, tanti son coloro che credono che tempeste, uragani e terremoti spazzeranno via ogni cosa. Così mentre proliferano in rete i consigli su come mettersi in salvo, coloro che hanno la possibilità sono anche disposti a spendere decine di migliaia di euro per mettersi al riparo dalla possibile catastrofe del 21 dicembre.

Nei giorni scorsi si era appreso di 38 famiglie italiane che in Messico, in un paesino dello Yucatan, avevano costruito delle villette con porte e finestre a prova di bomba, muri a prova di bazooka e una fitta rete di tunnel sotto la casa. Forse è da qui che ha trovato ispirazione un professionista veneto che ha realizzato un bunker a prova di Maya sotto la sua villa nelle colline padovane. Parliamo di un avvocato che ha deciso di mantenere l’anonimato e ha fatto costruire una vera e propria piccola fortezza in grado di proteggere lui, la moglie e il figlio.

Il progetto, costato poco più di 50mila euro, è stato svelato da Leonardo Remorini, un imprenditore toscano a capo della Matex Security, il quale ha dichiarato:

Quello che abbiamo realizzato a Padova è un bunker di 60 metri quadrati, in grado di resistere a terremoti ed esplosioni. In una delle stanze c’è un generatore di elettricità, che può funzionare anche a gasolio ed è dotato di pannelli solari. I lavori sono stati conclusi a maggio. La struttura è interrata, a circa tre metri di profondità, dotata di camere, servizi igienici e cucina. All’interno, una volta ammassate le scorte alimentari, la coppia e il loro bambino possono sopravvivere per sei mesi senza uscire.

Per coloro che, invece, non ci hanno ancora pensato, un’agenzia immobiliare di Venezia, la San Marco, vi offre la possibilità di salvarvi dall’Apocalisse con l’annuncio della vendita di una villa a Fiesso d’Artico, con sala biliardo, suite e angolo bar, senza contare il fatto che la villa comprende anche bunker antiatomico costruito durante la Guerra Fredda. Unico neo: il prezzo. Per aggiudicarsi la villa della salvezza, occorre almeno un milione e 300 mila euro.

Oltre 300 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti