Donne, tutte in Islanda! In un ricerca i paesi migliori e peggiori dove vivere per il “gentil sesso”

di Simona Vitale 23 Settembre 2011 9:20

Newsweek, rivista generalista statunitense, ha condotto una ricerca per stabilire in quali stati essere donna è più facile e in quali, invece, appartenere al “gentil sesso” sarà sempre sinonimo di avere delle marce in meno rispetto agli uomini.

Ebbene, secondo la classifica stilata dalla rivista, esaminando 165 paesi, il vero e proprio “Paradiso” per le donne sarebbe rappresentato dall‘Islanda. Il Paese nord europeo ha stravinto alla luce dell’esame di ben 5 aree, ovvero : giustizia, salute, educazione, economia, politica.

L’Islanda è lo Stato che maggiormente guarda alla tutela dei diritti delle donne, non le discrimina in politica (basta pensare che il Primo Ministro è una donna) e le possibilità di carriera sono notevoli.

In generale è tutto il Nord Europa a dominare questa speciale classifica, basta pensare che nelle prime dieci posizioni troviamo paesi come: Svezia, Danimarca, Finlandia, Norvegia e Paesi Bassi.

Dell’Italia nessuna traccia. Certamente il Belpaese non compare nelle prime venti posizioni, mentre lo stato che si colloca in ultima posizione è il Chad, dove le donne non hanno alcun diritto legale. Praticamente stessa situazione per Afghanistan, Yemen e Congo.

Speranze considerevoli arrivano invece dai Paesi del Nord Africa, dove, come scrive Jessie Ellison, autrice della ricerca, le donne hanno la possibilità di ricominciare, senza essere escluse dal processo di ricostruzione di questi paesi.

Commenti