Delitto di Avetrana, zia Cosima: "Mi odiano tutti"

di Gioia Bò 24 Maggio 2011 9:59

Chiusa in un assordante silenzio fino a qualche giorno fa, Cosima Serrano ha deciso finalmente di aprire la porta ai giornalisti, in vista della revisione delle carte che potrebbe portare alla scarcerazione della figlia Sabrina Misseri (che potrebbe passare agli arresti domiciliari) e dopo aver ricevuto un avviso di garanzia per concorso in omicidio e occultamento di cadavere.

La zia della piccola Sarah Scazzi, uccisa il 26 agosto scorso e gettata in un pozzo nelle campagne di Avetrana, sente un clima ostile intorno alla sua persona:

Ormai mi sono abituata a sentire tante cattiverie contro di me. L’ingiustizia di cui sono vittima la offro al Signore. Il mio futuro è finito, è finito in qualunque luogo io vada. Ho perso una nipote che amavo come una figlia, per mano di mio marito. Ho una figlia in carcere ingiustamente e avverto l’odio della gente.

Riusciremo un giorno a conoscere la verità su una vicenda che ha sconvolto l’Italia intera?

Commenti