Coca Cola fatta in casa? Presto sarà possibile, ecco come

Il più grande colosso mondiale delle bibite ha siglato un accordo con Green Mountain, leader delle capsule monodose per il caffè.

di Simona Vitale 7 Febbraio 2014 9:00

Siamo in milioni al mondo ad amare la Coca Cola. Riuscireste mai ad immaginare di poterla preparare da soli e in casa? Ebbene, questa possibilità potrebbe ben presto diventare una concreta realtà. Ciò potrebbe dipendere dall’accordo siglato recentemente dal colosso delle bibite analcoliche e dalla Green Mountain Coffe Roasters, società avente sede in Vermont, Stati Uniti. Quest’ultima società si colloca tra i protagonisti nel settore delle capsule monodose per il caffè e per altre bevande. La notizia è stata data dal Wall Street Journal.

Ben presto, dunque, Coca Cola, Fanta, Sprite e Powerade potrebbero essere prodotte in capsule direttamente dalle cucine delle nostre case. L’operazione di acquisizione di Coca Cola del 10% da parte di Green Mountain è costata circa 1,25 miliardi di dollari e comprende anche un accordo di 10 anni con la società stessa. Essa produrrà anche un nuovo sistema per produrre le sode in casa. Green Mountain, proprio in tempi recenti, ha lanciato sul mercato una macchina per il caffè a capsule ed ha già siglato in passato degli accordi con Starbucks e Dunkin’ Donuts. Senza contare anche il brodo di pollo in capsule.

Prevedibilmente la notizia ha fatto impennare il valore delle azioni di Green Mountain, che già di per sé aveva raggiunto risultati notevoli. Ora, l’accordo con Coca Cola potrebbe permettere alla società di rafforzarsi rispetto alle società concorrenti, anche perché dei brevetti sono in scadenza e l’accordo con Coca Cola potrebbe risultare vantaggioso.

Commenti