Cacciatore inciampa e parte un colpo che uccide il figlio

Colpito accidentalmente alla spalla sinistra dal fucile Beretta calibro 12 del padre, è morto per una vistosa emorragia poco dopo l'arrivo in ospedale.

di Simona Vitale 19 Settembre 2012 12:36

Mortale e terribile incidente quello che è avvenuto nei boschi di Fiesole, in provincia di Firenze, intorno alle 5:30 di questa mattina. Erano da poco entrati nel bosco, quando un uomo è inciampato sul suo fucile, dal quale sarebbe poi partito un colpo che ha centrato in pieno e ucciso il figlio di 32 anni. La vittima è Lorenzo Cerbone, residente a Firenze. Immediatamente, sul posto, sono intervenuti i carabinieri e gli operatori del 118. Secondo quanto emerge dalle prime ricostruzioni dei Carabinieri, l’incidente è avvenuto quando la caccia alla lepre ancora non era cominciata.

Padre e figlio camminavano appaiati, quando, all’improvviso, l’uomo di 62 anni è caduto inciampando sul suo fucile, una Beretta calibro 12 regolarmente detenuto, è partito accidentalmente il colpo che ha ucciso il figlio. La salma del 32enne Lorenzo ora si trova presso l’ospedale di Ponte a Niccheri. I primi accertamenti effettuati hanno rilevato che il colpo sarebbe stato accidentalmente sparato in quanto non sarebbero state prese tutte le cautele necessarie per utilizzare correttamente l’arma. I carabinieri hanno poi raccolto anche la testimonianza dello zio del giovane che, trovandosi alcuni metri più avanti ai due, si è voltato indietro dopo aver udito lo sparo e visto il nipote morente a terra.

Il giovane è stato subito trasportato in ospedale dal padre. Giunto all’ospedale di Ponte a Niccheri, poco dopo le 5, le sue condizioni sono apparse immediatamente disperate. Gli operatori dell’ospedale hanno aiutato il padre a tirare fuori dall’auto il ragazzo, morto poco dopo per l’emorragia causata dalla ferita. Ulteriori ricostruzioni hanno rivelato che il colpo, esploso accidentalmente a distanza ravvicinata dal fucile calibro 12 che il padre regolarmente deteneva per la caccia, lo ha colpito all’altezza della spalla sinistra e gli ha provocato una vistosa e gravissima perdita di sangue. Ogni tentativo di rianimare il 32enne è stato del tutto inutile. Il padre del giovane è attualmente sotto shock.

Commenti