Beatrice, la “bimba di pietra”: a 3 anni ha una misteriosa malattia

Le articolazioni molli della piccola si calcificano in maniera progressiva. La terribile scoperta è stata fatta dai genitori quando la figlia aveva 7 mesi.

di Simona Vitale 6 marzo 2013 22:36
bimbo di due anni morto, ignote le cause del decesso

Beatrice è una bambina di soli 3 anni, vive a Torino con i suoi genitori, frequenta l’asilo. Fin qui nulla di strano. La piccola, purtroppo, soffre di una malattia invalidante talmente rara da far pensare che il suo, al momento, sia l’unico caso al mondo. Quella che i medici dell’ospedale Regina Margherita ritengono sia una malattia genetica sta calcificando tutte le parti molli delle articolazioni della bambina, il tutto in maniera molto veloce. Beatrice ormai non riesce più a piegare il collo, le braccia e le dita dei piedi, essendo diventata rigida, come se fosse una bambola.

Il problema si è svelato agli occhi dei suoi genitori, Alessandro e Stefania Naso, quando, a sette mesi di vita, la mamma ha involontariamente rotto un polso alla piccola massaggiandola dopo un bagnetto. Esami e lastre in ospedale hanno svelato le calcificazioni in corso che stavano progressivamente peggiorando.

Ora i genitori di Beatrice hanno lanciato un appello per sapere se in Italia, o nel mondo, esista qualcuno che soffra delle medesima malattia della bimba, in cerca di sostegno, di aiuto sul come poter affrontare questo calvario.

Un appello è rivolto anche al sindaco del capoluogo piemontese, Fassino. Questo perché Stefania ha dovuto lasciare il suo lavoro in cartoleria per seguirla, mentre il papà fa l’operaio. I due hanno da pagare un mutuo trentennale per una casa che, però, ormai non si adatta più alle esigenze di salute della bambina.  Si spera ora che il sindaco di Torino possa effettivamente fare qualcosa per questa famiglia, così come un invito è rivolto a chiunque voglia aiutare la coppia e la piccola, seppur solo con informazioni in merito alla strana malattia che ha reso Beatrice quasi “di pietra”.

Oltre 100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti