Arrestato 47enne romano che filmava minori nei camerini col cellulare

Si appostava nella cabina accanto e riprendeva donne mentre si provavano vestiti e lingerie. Nel suo pc un repertorio di foto e filmati.

di Elisa di Battista 14 Settembre 2012 0:37

Filmava le donne nei camerini dei negozi di abbigliamento con un cellulare, di nascosto, e poi probabilmente li metteva online – è stato arrestato il 47enne romano, informatico di professione, “voyeur” per vizio, dai carabinieri di Roma Tor Vergata su segnalazione dei vigilantes di un centro commerciale della zona.

Giunti sul posto, i carabinieri hanno colto in flagrante il guardone mentre riprendeva col cellulare una 15enne in procinto di cambiarsi la lingerie in un camerino. Ed è proprio l’età della vittima che gli costerà cara: oltre al reato di interferenze illecite nella vita privata, infatti, l’arresto lo vede anche accusato di pornografia minorile e detenzione di materiale pornografico. Ma come faceva il maniaco a riprendere le sue vittime? Semplicemente, di aggirava di fronte ai camerini del centro commerciale curiosando tra gli scaffali, quando una donna entrava in un camerino, lui entrava in quello adiacente e la riprendeva attraverso un foro praticato nella parete.

Le forze dell’ordine hanno trovato sulla memoria del suo smartphone, ma anche salvati su diversi hard disk in casa, una vera e propria rassegna di video di ragazze e donne filmate in vari grandi magazzini e sulle scale mobili dei centri commerciali ddi Roma. Non solo filmati nei camerini, infatti, ma anche riprese col cellulare da sotto le gonne delle donne che camminavano tra gli scaffali o chinate a scegliere i prodotti, o intente a salire le scale mobili.

Un vero e proprio repertorio di centinaia e centinaia di file e di video, e poi una microtelecamera e il cellulare, naturalmente, sono stati sequestrati. Il cyber-guardone ora è rinchiuso al regina Coeli, mentre i carabinieri indagano per verificare che negli hard disk non ci sia altro materiale a sfondo pedopornografico.

Commenti