La malattia di Chagas: in arrivo l’AIDS del futuro?

Il morbo sarebbe provocato dal morso di piccole cimici ematofoghe di generi diversi.

di Simona Vitale 30 maggio 2012 15:12

Una nuova, poco conosciuta malattia potenzialmente letale causata dalle triatomine, insetti succhiatori di sangue, è stata etichettata come la nuova AIDS d’America da parte di alcuni esperti. La malattia parassitaria prende il nome di Malattia di Chagas ed ha delle somiglianze con la precoce diffusione del virus dell’HIV, secondo un nuovo studio. Così come l’AIDS, Chagas è difficile da individuare e possono passare anni prima che i sintomi della malattia comincino ad emergere, secondo quanto gli esperti scrivono nella rivista PLoS Neglected Tropical Diseases. Si stima che 10 milioni di persone nel mondo sono infettate dal morbo, con la maggior parte dei malati concentrati in Bolivia, Messico, Colombia e America Centrale. Tuttavia sono circa 30.000 le persone infettate anche negli Stati Uniti, secondo quanto riferito dal New York Times.

Prendendo il nome dal medico brasiliano che la scoprì nel 1909, il morbo di Chagas è una malattia potenzialmente mortale diffusa dunque da insetti succhiatori di sangue tra i quali ci sono le Triatomine, più comunemente noto come “kissing bugs“, scarafaggi neri di circa 20 mm di lunghezza. Il loro parente più prossimo è la mosca tse-tse, che si trova in Africa, che diffonde il siero del sonno (dove si gonfia il cervello della vittima).

Come l’AIDS, la malattia è difficile da individuare e ha un lungo periodo di remissione. Si diffonde facilmente attraverso le trasfusioni di sangue e da madre a figlio. Circa un quarto delle vittime che hanno contratto la malattia sviluppano un ingrossamento del cuore o dell’intestino che può esplodere e provocare inevitabilmente morte improvvisa.

Si stima che 10 milioni di persone nel mondo siano infettate, incluse 30.000 persone negli Stati Uniti. Chagas è considerata una delle infezioni parassitarie più trascurate nel gruppo di cinque malattie parassitarie che sono state presi di mira dal CDC per l’azione della sanità pubblica.
Si stima che nel 2008 la malattia di Chagas ucciso oltre 10.000 persone.

Chagas comunemente colpisce le persone che vivono in povertà, difatti la maggior parte delle persone malate negli USA sono immigrati. Se diagnosticata precocemente, la malattia può essere prevenuta con tre mesi di intenso trattamento farmacologico. Tuttavia, a causa del lungo periodo di incubazione e dei farmaci troppo costosi, il morbo spesso non viene trattato. Conosciuta anche come tripanosomiasi americana, la malattia si diffonde facilmente attraverso le trasfusioni di sangue o, meno frequentemente, da madre a figlio. Tutte le banche del sangue negli Stati Uniti e l’America Latina schermo le tracce della malattia. Esistono due fasi della malattia: acuta e grave. La fase acuta può non avere sintomi, ma può presentare una febbre, sensazione generale di malessere e gonfiore in un occhio.

Dopo la fase acuta, la malattia va in remissione e può richiedere anni prima che i sintomi, come la stipsi, dolore addominale e disturbi digestivi, emergano ancora una volta in fase acuta. Il parassita può finalmente fare la sua strada verso il cuore, dove può vivere e moltiplicarsi.

Circa un quarto delle persone che hanno contratto la malattia hanno sviluppato un ingrossamento del cuore o dell’intestino che può esplodere e provocare morte improvvisa. Sebbene i farmaci disponibili non siano costosi come quelli per l’AIDS, ci sono comunque delle carenze di essi nei paesi più poveri e pochi soldi vengono spesi per scoprire nuovi trattamenti.

I ricercatori della University of Maryland School of Medicine, l’anno scorso, hanno dichiarato di credere che Charles Darwin soffrisse di tre malattie diverse, tra cui una infezione Chagas. Gli esperti ritengono che il grande scienziato abbia contratto la malattia durante un viaggio di cinque anni in tutto il mondo, ritenendola causa della morte per insufficienza cardiaca 47 anni dopo. Il padre degli scienziati della vita moderna scrisse infatti nel suo diario di essere stato morso da un piccolo insetto nero senza ali, durante la spedizione in Sud America.

19 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: povertà · usa
Commenti