Al-Qaeda minaccia olocausto contro gli Stati Uniti

In un video, della durata di 90 minuti, rilasciato dal leader Ayman al-Zawahiri, viene ribadito che gli USA sono in guerra contro l'Islam.

di Simona Vitale 12 settembre 2012 10:23

Inquietante è il nuovo messaggio rilasciato in occasione dell’undicesimo anniversario degli attentati di New York dell’11 settembre 2001 dal leader di al-Qeada Ayman al-Zawahiri e dal suo portavoce americano Adam Gadahn. In un video intitolato “La verità è arrivata e la menzogna è morta“, postato sui forum jihadisti, viene ribadito il concetto che gli Stati Uniti sono in guerra con l’Islam e i musulmani americani devono prepararsi ad affrontare un nuovo olocausto.

Secondo quanto riferito dai siti di intelligence Usa, Gadahn ha respinto le dichiarazioni del Presidente USA Barack Obama secondo le quali gli Stati Uniti non sarebbero in guerra con l’Islam perché “l’America è chiara nella sua opposizione all’Islam come sistema politico”. In riferimento ai raid condotti dai droni americani, Gadahn ha poi commentato: “Oggi, i musulmani americani vengono uccisi nello Yemen, domani saranno uccisi a New York e Los Angeles. Siate pronti a un olocausto“.

Il video ha una durata di 90 minuti ed è stato trasmesso in arabo, inglese e urdu. In esso appaiono  anche altri funzionari di al-Qaeda quali Ustadh Ahmad Farooq e Maulvi Asim Umar, che affermano che gli USA stanno subendo delle sconfitte su diversi fronti. Il filmato, inoltre, è stato trasmesso il giorno seguente alla diffusione di un altro video nel quale Zawahiri elogia Abu Yahya al-Libi, il suo ultimo vice e capo della propaganda jihadista, ucciso a giugno in seguito a un raid condotto da un drone Usa. L’ufficialità della notizia della sua morte è stata confermata proprio ieri da Al Qaeda.

Adam Gadahn è conosciuto anche con il nome di battaglia di “Azzam l’americano” ed è nato nel 1978 nel sud della California. Dal 2004 è frequentemente apparso in molti video del gruppo terroristico di al-Qaeda, ormai capeggiato dal medico Zawahiri, dopo la morte del fondatore e ideatore degli attentati di New York del 2001, ucciso dalle forze speciali americane nel mese di maggio dello scorso anno.

44 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti