11 settembre, piccoli velivoli a rischio attentati

di Simona Vitale 8 Settembre 2011 7:53

L’11 settembre è vicino. E come è facilmente supponibile, i terroristi di Al Qaeda hanno ben imparato a guardare i Jet negli Stai Uniti d’America. Ciò è quanto accaduto in occasione  degli attentati terroristici di New York e Washington dell’11 settembre 2001.

Bin Laden è morto. Ma in occasione del decimo anniversario di quel giorno tragicamente indimenticabile la paura cresce.

L’allarme per possibili nuovi attacchi proviene dal  Dipartimento di Stato americano per la Sicurezza,  poi confermato dall’Fbi che ha sottolineato l’effettiva esistenza del pericolo.

L’attacco sembrerebbe voler colpire piccoli velivoli, forse monoposto, che, se apparentemente non causerebbero molti danni, potrebbero poi farlo davvero, dal momento che imbottiti di esplosivo, nuocerebbero tantissimo, essendocene un numero esorbitante negli Usa.

L’unica nota confortante è quella secondo cui  il rapporto del Dipartimento di Stato per la Sicurezza non ha però prova di un piano preciso con obiettivi dichiarati.

Non sarebbe la prima volta, anche se non capitò negli Stati Uniti. Nel 2002, ad esempio, le autorità americane scoprirono un piano di Al Qaeda, per il quale un piccolo velivolo avrebbe dovuto schiantarsi contro una nave da guerra americana che si trovava nel Golfo Persico.

Commenti