La lettera di una bimba paralizzata al pirata della strada

Jeremy Solis, 21 anni, è stato condannato a 10 anni di carcere. La piccola Jeremy Xitclalli Vasquez ha dichiarato che continuerà a scrivergli.

di Simona Vitale 19 Novembre 2012 15:55

La lettera scritta da una bambina di 9 anni inizia così: “Ciao il mio nome è Jeremy Xitclalli Vasquez, ma mi chiamano Chilli.Giovedì la mamma di Chilli, Arabella Vasquez, ha letto ad alta voce la lettera scritta dalla sua bambina in un’aula di tribunale, dopo che Jeremy Solis, 21 anni, di Fort Worth, è stato condannato a 10 anni di carcere. Solis si era dichiarato colpevole di due accuse di guida in stato di ebbrezza causando gravi lesioni personali. Il giovane ha provocato un incidente l’anno scorso che ha paralizzato Chilli, al momento dell’incidente avente 7 anni, dalla vita in giù. La zia di Chilli, invece, che era alla guida dell’auto, ha subito una frattura collo e una gamba rotta.

“Non mi ricordo i primi giorni,” Chilli ha scritto. “Non riuscivo a parlare così ho dovuto usare il pollice per rispondere sì e no. Mentre ero in terapia intensiva sono stata tanto male”. Il 9 luglio 2011, Solis, alla guida di una macchina rubata, ha attraversato la corsia centrale sulla Northeast 28th Street vicino a Sylvania Avenue e sbattuto contro la macchina che la zia Chilli stava guidando. Anche due delle sorelle di Chilli e un cugino erano a bordo del veicolo. Il tasso alcolemico nel sangue di Jeremy era di 0,23, quasi tre volte il limite legale, secondo quanto detto dal procuratore Allenna Bangs.

Solis non è invece rimasto ferito, ha detto Bangs. Chilli ha trascorso i successivi 104 giorni nel Centro Medico per bambini di Cook. Un mese è passato prima che lei potesse parlare di nuovo, ha raccontato la madre. Nelle interviste che ha rilasciato, Arabella Vasquez ha detto: “Quando siamo arrivati in ospedale, il medico ci ha subito detto che qualcosa non andava e che Chilli doveva essere portata in sala operatoria perché il suo intestino si era rotto in 3 punti. Quattro giorni più tardi,… ci hanno detto che era rimasta paralizzata.”

“Ho la speranza che lei possa camminare di nuovo”, ha detto Arabella Vasquez. “Vado in chiesa e ho fiducia. Ho sognato che lei avrebbe camminato di nuovo.” Chilli non ha voluto leggere personalmente la lettera in tribunale, troppa era l’emozione, riferisce il procuratore Bangs.

“Ci sono stati momenti in cui ho pianto per ore”, dice la lettera. “Capisco che le infermiere volevano solo il meglio per me, ma stavo davvero male quando non riuscivo a farlo. Nella terapia mi hanno mostrato come sollevarmi e vestirmi. Ma in questo momento è ancora molto difficile.” Diverse sono state le persone della giuria a piangere e a commuoversi quando la lettera della piccola è stata letta.

In un’intervista, la madre di Chilli ha aggiunto: “L’8 luglio, era indipendente, e quindi la sua vita è cambiata di 360 gradi. Doveva dipendere dalla mamma e dalla nonna, da un infermiere, dai suoi fratelli e dalle sue sorelle. Onestamente, penso che lei cerchi di essere la stessa persona che era prima, anche se ha attacchi di depressione.” Le spese mediche di Chilli hanno raggiunto la cifra di 1,6 milioni dollari durante i primi 30 giorni. Chilli ha raccontato di essere arrabbiata con il 21enne Jeremy.

“Mi arrabbio con lui alcuni giorni perché non posso fare le cose che prima ero solita fare, come la lotta con mio fratello”, ha detto Chilli.  Arabella ha detto che lei e suo marito hanno altri quattro figli, e tutti aiutano al mattino quando la bimba deve prepararsi per andare a scuola. Uno le porta uno spazzolino da denti. Un altro aiuta Chilli a posizionarsi sotto il lavandino. Prendersi cura di Chilli aumenta di circa 30 minuti il tempo di preparazione al mattino di tutti. L’incidente è avvenuto tre giorni prima che la bimba festeggiasse il suo ottavo compleanno. Chilli ha detto che continuerà a scrivere a Solis, mentre lui sarà in prigione.

Il procuratore Bangs ha poi aggiunto in tribunale: “Chiunque può diventare una vittima, e la famiglia del conducente ubriaco ha anche perso un figlio in prigione. Jeremy dovrà fare i conti con questo per i prossimi 10 anni. E questa è solo un’altra delle tragedie di questo caso”. 

Commenti