Usain Bolt si schianta contro un guardrail

L'atleta Usain Bolt rischia l'incriminazione, se verrà accertato che l'incidente stradale è avvenuto per causa sua.

di Elena Arrisico 12 giugno 2012 17:34

Il primatista mondiale di 100 e 200 metri, Usain Bolt – nella notte tra sabato e domenica – si è schiantato contro un guardrail uscendone, fortunatamente, illeso. L’incidente è avvenuto a Kingston, in Giamaica. Adesso c’è il rischio di incriminazione, a causa dell’incidente d’auto.

L’incidente è avvenuto alle 5:15 del mattino, quando Bolt era sulla strada di casa. All’incidente ha assistito l’amico Asafa Powell che si trovava, però, a bordo di un altro veicolo. L’automobile di Bolt è andata distrutta ma, fortunatamente, il campione ne è uscito illeso.

Glenmore Hinds, vicecommissario, ha reso noto che lo sprinter giamaicano rischia l’incriminazione, se le indagini dimostreranno che è stato lui a causare l’incidente: “Nessuno è al di sopra della legge e la giustizia verrà amministrata con equità“, ha dichiarato. Secondo le leggi giamaicane, gli incidenti vanno denunciati alla polizia entro 24 ore, ma l’atleta non si è presentato.

Questo è il secondo incidente per il campione olimpico dopo quello avvenuto nel 2009, in cui si salvò per miracolo dopo aver distrutto la sua BMW M3.

76 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti