Russia, “Genio” viveva con 26 cadaveri acconciati come bambole e orsacchiotti

Un 45enne russo, da tutti considerato geniale e brillante, viveva nel suo piccolo appartamento con 26 cadaveri di donne morte anni fa. Profanava le tombe e portava gli scheletri a casa, L'orribile scoperta fatta dai genitori dell'uomo.

di Simona Vitale 4 Novembre 2011 9:39

Macabra la vicenda che vi raccontiamo e che giunge dalla Russia. Un uomo che vive nel pieno centro Nizny Novogrod, un tal Anatoly Moskvina, 45 anni, era da tutti considerato un genio, una persona dall’intelligenza particolare e brillante. Probabilmente nessuno sapeva che oltre ad essere geniale, Anatoly fosse anche uno psicopatico.

Nella sua casa, infatti, sono stati ritrovati i cadaveri di 26 donne. Come racconta la Nbc, alcuni di questi cadaveri sono stati trovati vestiti come bambole o da orsacchiotti. La scoperta è stata fatta dai genitori dell’uomo, andati a trovarlo nella sua piccola abitazione, dove vive da solo, dopo il suo ritorno da una vacanza.

Davvero una scena degna di un film horror. I corpi rinvenuti appartenevano tutti a donne di età compresa tra i 15 e i 26 anni e morte anni fa. Il “genio”, che per quanto ne sappiamo si occupava di storia e di giornalismo, di notte usciva in cerca di cadaveri da tirar fuori dalle loro tombe. Avrebbe visitato più di 750 cimiteri, dormendo in un’occasione addirittura in una bara. Dopo aver scelto i corpi, li trasportava poi in borse di plastica a casa .

Le foto, che stanno facendo il giro della rete e, alcune delle quali  potrete trovare qui, mostrano come Anatoly acconciava i corpi vestendoli come se fossero delle bambole, altri ancora come dei “teneri” orsacchiotti.

L’uomo, che tra l’altro parla 13 lingue e insegna al museo, ha dichiarato alla polizia che il suo intento era quello di realizzare una collezione completa di ossa umane. Le forze dell’ordine hanno arrestato l’uomo per poi rilasciarlo, non è ancora esattamente chiaro quali sono le accuse che Moskvina dovrà affrontare.

Commenti