Ristoratore di Londra picchia topo a morte nel mezzo dell’ispezione

Rajakumar Rajalingam è stato costretto a chiudere il suo New Chutney Express dopo aver violato diverse norme igieniche e procedure di sicurezza.

di Simona Vitale 4 Dicembre 2012 22:49

In quella che è una scena che potrebbe ricordare la commedia classica, il proprietario di un ristorante indiano è stato multato di 20.000 sterline per aver picchiato a morte un topo nel bel mezzo di un controllo sanitario. Rajakumar Rajalingam, proprietario del New Chutney Express a Tooting, a sud di Londra, è stato costretto a chiudere il suo ristorante dopo aver violato diverse norme igieniche e procedure di sicurezza. Lasciando sbigottiti gli ispettori sanitari, il proprietario ha ucciso un topo davanti agli ispettori nel corso di una ispezione di routine, lasciando una pozza di sangue sul pavimento.

Il peggio per il ristoratore, però, è venuto dopo quando gli ispettori hanno riferito di aver quasi calpestato un altro ratto mentre indagavano i locali del ristorante, con più roditori ed escrementi visualizzabili nelle aree di preparazione degli alimenti. Gli ufficiali sono rimasti del tutto sbigottiti dopo che Rajalingam ha ucciso uno dei ratti mentre stavano parlando con lui del cattivo stato di igiene e pulizia del ristorante. Gli ispettori del Consiglio di Wandsworth successivamente hanno detto di non aver mai assistito a una scena del genere nel corso di una ispezione degli alimenti e hanno chiesto che il posto sia chiuso fino a quando non sarà adeguatamente pulito.

Rajalingam è stato dichiarato colpevole di tre reati di sicurezza alimentare presso la Kingston Crown Court la scorsa settimana. Il ristoratore è stato anche riconosciuto colpevole di vendita di merci contraffatte nel suo negozio di alimentari dopo aver scoperto che aveva anche contraffatto del vino greco. Dopo aver letto la sentenza, il giudice ha detto che il comportamento di Rajalingham era “vergognoso” e che dovrebbe vergognarsi per aver messo a rischio la salute dei cittadini. Il portavoce del Consiglio sulla tutela dei consumatori Cllr Jonathan Cook ha detto: “Questo caso rappresenta un catalogo impressionante di violazione delle norme di igiene e sicurezza alimentare. Tali locali erano in uno stato veramente spaventoso e hanno rappresentato un pericolo inaccettabile per la salute pubblica..Il giudice ha fatto bene quando ha detto il signor Rajalingam dovrebbe vergognarsi di se stesso.”

Ha poi aggiunto: “La conseguenza inevitabile di tale negligenza può ora portare a mancati guadagni al suo ristorante. Per questo Rajalingam ha solo se stesso da biasimare. Questo caso deve suonare come un avvertimento ai dettaglianti alimentari che sono disposti a giocare a tira e molla con le leggi sulla sicurezza alimentare.”

Tags: topo
Commenti