Ragazzo aggredisce la madre perché ha usato la sua salsa per tacos

Un ragazzo di 23 anni della Florida (USA) ha aggredito la madre, rea di aver usato la sua salsa per tacos. Il giovane e la fidanzata sono poi stati rilasciati dietro cauzione di 750 $.

di Simona Vitale 8 Marzo 2012 16:03

Vicenda al limite dell’assurdo quella che ci giunge dalla lontana Florida (USA). Un ragazzo di 23 anni, Christopher Philips, e la sua fidanzata hanno aggredito la madre di lui Rebecca, 55 anni, rea di aver usato due tipi di salsa, una piccante, sul proprio taco. Cosa che mai avrebbe dovuto fare. Esiste una regola per Christopher, un codice assolutamente inviolabile, altrimenti (com’è poi accaduto esce fuori di senno): nessuno deve toccare la sua salsa per i tacos. Rebecca sembra che fosse a conoscenza della strana e rigida regola del figlio, ma, non si sa per quale motivo, pare l’abbia ignorata. Anzi, abbia prima messo la salsa sul suo taco per poi posarla davanti a lui. Da lì il dolore.

Pare che in preda alla furia Cristhopher, secondo i rapporti della polizia, abbia costretto la testa della madre in una morsa atroce fino a romperle anche gli occhiali. Il giovane si è poi recato in un’altra stanza per rivelare la “terribile” vicenda alla fidanzata, Liza Tyre, 27 anni, che avrebbe preso a urlare anch’ella contro la donna. Il risultato per Rebecca è stato quello di avere due schiaffoni sulle guance e un labbro tagliato. Per fortuna la donna è riuscita a fuggire di casa e a raggiungere il luogo di lavoro del marito. Da qui è stata poi allertata la Polizia. Gli agenti hanno arrestato Christopher con l’accusa di violenza domestica, così come arrestata è stata anche la sua fidanzata. Pare che nel corso dell’interrogatorio con gli agenti, Christopher abbia detto: “Mia madre ha usato la mia salsa per tacos. Perché voi comuni mortali non riuscite a capire?” Tuttavia entrambi sono poi stati rilasciati su cauzione di 750 $, sebbene alquanto ingiustificabile possa essere un siffatto atto di violenza nei confronti della propria madre. Crediamo anche che si renda necessaria una visita psichiatrica per il giovane Christopher.

Commenti