Prostituta rumena picchiata e data alle fiamme a Roma: è gravissima

La giovane è ora ricoverata all'ospedale Sant'Eugenio con ustioni di terzo grado su oltre il 50% del corpo.

di Simona Vitale 12 Settembre 2012 14:09

Orrore a Roma dove una prostituta romena di soli 22 anni è stata dapprima aggredita da due persone che, dopo averla picchiata, l’hanno cosparsa di liquido infiammabile per poi darle fuoco. L’episodio è accaduto in via della Cencia, nel quartiere della Borghesiana, poco prima della mezzanotte. La ragazza, conosciuta nell’ambiente di lavoro come Michela, è stata soccorsa da altre ragazze presenti sul posto che l’hanno portata all’ospedale Sant’Eugenio, dov’è ora ricoverata in prognosi riservata con ustioni di terzo grado su oltre metà del corpo.

Sulla terribile vicenda stanno ora indagando i carabinieri della stazione di Roma Tor Bella Monaca e del Nucleo operativo della compagnia di Frascati. Dietro l’aggressione alla giovane romena, potrebbe nascondersi una banda di romeni che sfrutta le proprie connazionali, spesso anche marchiate. Si vaglia, infatti, la pista del racket nella zona dell’aggressione, spesso teatro anche di scontri fra le diverse bande. Non si esclude, però, anche la possibilità che la giovane volesse liberarsi dai suoi aguzzini.

 Nello scorso mese di maggio, infatti 11 persone (tre donne e otto uomini, tutti romeni), giudicati responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione sulle strade della Capitale, riduzione in schiavitù e alla tratta di giovani donne di nazionalità romena avviate alla prostituzione, sono state arrestate dai carabinieri del Nucleo Operativo di Tivoli.
Non sono mancati i commenti, come quello di Marco Miccoli, segretario del PD Roma:
Il grave fatto di sangue avvenuto questa notte alla Borghesiana è l’ennesima dimostrazione di come la prostituzione a Roma sia sempre più un fenomeno dilagante e in crescita. Ricordiamo appena un mese fa una manifestazione dei cittadini dell’Eur contro la prostituzione imperante nelle strade del quartiere, dopo quella svolta in IV municipio sullo stesso tema. Occorre prendere atto che la piaga della prostituzione è molto spesso legata alla criminalità organizzata e al racket. Occorre dare impulso alla lotta, che non è solo di ordine pubblico, contro questo fenomeno sempre più diffuso sulle strade di Roma. Intanto auspichiamo che le forze dell’ordine facciano luce sull’accaduto per risalire agli autori del barbaro gesto.
Commenti