No Tav, notte di scontri e feriti. I manifestanti minacciano: “Oggi blocchiamo tutto”

Notte di duri scontri tra i manifestanti No Tav e le forze dell'ordine in Val di Susa. Diversi agenti di polizia e carabinieri sono rimasti feriti ed intanto avanza minacciosa la protesta dei manifestanti al grido di "Oggi blocchiamo tutto".

di Simona Vitale 1 Marzo 2012 9:47

Non accenna ad arrestarsi la rabbia e la violenza della protesta dei manifestanti No Tav in Valsusa. L’ultimo bilancio diffuso dalla Questura di Torino, in ordine agli scontri intervenuti ieri sera tra gli stessi manifestanti e le forze dell’ordine, parla di 8 feriti tra i Carabinieri, 5 nella Polizia. Anche i No Tav hanno denunciato 5 feriti, ma nessun dettaglio è stato fornito al riguardo. Tra i feriti  un funzionario di polizia ha riportato delle ustioni a un piede dopo essere stato colpito da una bomba carta, mentre un ufficiale dei carabinieri e’ stato ferito a una mano e un ispettore della questura al labbro dopo essere stato colpito in bocca da una pietra. Gli altri agenti hanno poi subito diverse contusioni. Il tutto dopo che anche una troupe giornalistica era stata ieri aggredita.

Nel frattempo l’autostrada A32 e’ stata riaperta in entrambe le direzioni. Alle ore 00.45 e’ stata riaperta la corsia in direzione di Torino, mentre alle ore 02.30 e’ stata riaperta anche la corsia in direzione Frejus. 5 persone sono state fermate per gli scontri nella tarda serata di ieri. Di esse, 4 sono state rilasciate dopo essere state identificate, mentre un uomo di 32 e’ stato arrestato per i reati di resistenza, violenza, lesioni a pubblico ufficiale. Sono in corso poi altre indagini volte all’identificazione di coloro che hanno proceduto alla violenza nei confronti delle forze di polizia. Nel frattempo, come visibile anche sui siti del movimento, al termine dell’assemblea tenuta a Bussoleno, i No Tav stanno minacciando di bloccare tutto nel pomeriggio.

“Blocchiamo tutto, dappertutto, alle 18” è il passaparola minaccioso dei No Tav. Centinaia di manifestanti, allontanati dalle forze del’ordine a Chianocco, hanno annunciato così una serie di blocchi a sorpresa per il pomeriggio, denunciando anche la Questura di Torino “di cariche violentissime, caccia all’uomo, vetrate dei bar distrutti per un rastrellamento di antica memoria, macchine parcheggiate vandalizzate e altro”.

Commenti