L’uno per cento della popolazione si considera asessuale

Soltanto adesso, sempre più persone stanno decidendo di fare "coming out" circa la loro asessualità.

di Elena Arrisico 20 Agosto 2012 10:50

Secondo uno studio condotto dal professore Anthony Bogaert, circa l’1 per cento della popolazione mondiale sarebbe asessuale. Questo dato vorrebbe dire che circa 70 milioni di persone sulla Terra non provano alcuna attrazione sessuale ed interesse per il sesso.

Il mese prossimo verrà pubblicato un libro, nel quale viene spiegata la teoria secondo cui, dato il numero in continuo aumento di persone asessuali, sarebbe il caso di classificare gli asessuali come “quarto orientamento sessuale“. Il professore Anthony Bogaert ha spiegato che gli asessuali potrebbero, infatti, sentirsi esclusi dalla nostra cultura “molto sessualizzata“. Secondo gli esperti, le persone asessuali sono sempre esistite ma, soltanto adesso, stanno venendo allo scoperto.

Vi sono due forme di asessualità: le persone che hanno un certo livello di desiderio sessuale, ma non lo dirigono verso gli altri e le altre persone che non hanno alcun tipo di desiderio sessuale“, ha spiegato Bogaert, professore associato alla Brock University in Canada. Nel 2004, il professor Bogaert ha analizzato le risposte di un sondaggio di 18 mila persone nel solo Regno Unito, circa l’attrazione sessuale; così, scoprì che l’1 per cento dei partecipanti erano d’accordo con l’affermazione “non mi sono mai sentito sessualmente attratto da nessuno“.

Tre anni fa, mi sono imbattuto nell’asessualità. Non dovevo più mentire a me stesso. Ci si aspetta che i ragazzi facciano sesso occasionale, ma ora mi sento molto più a mio agio con me stesso“, ha spiegato all’Independent Joshua Hatton, uno studente in lingue di Birmingham di 23 anni. Alcuni asessuali possono comunque avere pulsioni sessuali molto basse, altri non sono semplicemente attratti da altre persone, mentre altri ancora vogliono stringere dei legami affettivi duraturi ed avere, addirittura, dei figli.

Commenti