Lisa Puzzoli, 22enne uccisa dal suo ex: l’aveva denunciato 3 volte

Subito dopo il fatto l'uomo avrebbe chiamato i carabinieri e i soccorsi. Il fratello della vittima presente durante la colluttazione.

di Daniela Santoni 8 Dicembre 2012 0:26

Lo aveva denunciato tre volte alle forze dell’ordine per persecuzione nei suoi confronti, ma questo non è servito a salvarla. Muore così per la furia del suo ex convivente Lisa Puzzoli a soli 22 anni. Il suo presunto assassino sarebbe l’ ex fidanzato ha 27 anni. I due già da tempo non vivevano più insieme perché non andavano più d’accordo. Sembra che alla base dei frequenti litigi ci fosse la nascita di una bambina, due anni fa, che l’uomo non avrebbe ancora riconosciuto, in attesa di un test del Dna che ne avrebbe accertato la paternità.

Subito dopo l’omicidio della ex convivente, l’uomo ha chiamato i carabinieri e i soccorsi per denunciare il fatto. I militari lo avrebbero trovato poco dopo e fermato con l’accusa di omicidio volontario. Al momento viene vagliata l’ipotesi della premeditazione. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, sembra che l’assassinio sia giunto nell’abitazione, dove abitava la ragazza, già con un coltello in tasca. La dinamica dei fatti, però, è in fase di lenta ricostruzione. È invece certo che al momento della colluttazione conclusasi con le coltellate, fosse presente anche il fratello della vittima, che dunque sarà escusso come testimone oculare. Sul posto è giunto anche il pubblico ministero della Procura di Udine, Marco Panzeri, titolare dell’inchiesta, e il medico legale, Carlo Moreschi, che sta effettuando una prima ispezione del cadavere.

Ancora un femminicidio. Ancora violenza su una giovane donna la cui unica colpa forse è quella di aver messo la parola fine a una storia d’amore che non dava più serenità o da cui forse non si sentiva più coinvolta. Aveva gridato aiuto Lisa, in quelle tre denunce che però non le hanno evitato una terribile e atroce morte. L’efferato omicidio ha sconvolto Basiliano piccolo paesino di 5.000 anime in provincia di Udine dove Lisa viveva. Il fratello della vittima ha assistito alla colluttazione conclusasi con la morte della giovane Lisa. A lui il compito di testimoniare se l’ex fidanzato sia stato autore del terribile gesto.

Commenti