Le 6 teorie scientifiche più assurde riguardo la nostra esistenza

Una serie di ricerche e studi che vi faranno ricredere su tutto ciò che, fino ad oggi, ritenevate più che certo.

di Simona Vitale 1 luglio 2013 12:53

Sebbene la scienza progredisca giorno dopo giorno, ci sono misteri sull’universo difficili da comprendere. Il più grande dei segreti è, probabilmente, quello concernente le origini della nostra storia.

La nostra esistenza.

Vediamo dunque, come ci suggerisce Cracked.com, alcune delle teorie scientifiche più assurde riguardanti la nostra esistenza.

1. Potremmo davvero vivere in The Matrix

Comstock Images / Photos.com

Comstock Images / Photos.com

In The Matrix , Keanu Reeves è inorridito nell’apprendere che l’universo nel quale ha vissuto è in realtà un programma per computer progettato da un gigantesco e intelligente robot. Neo (Reeves) sembrerebbe essere l’eletto destinato a liberare l’umanità dal controllo delle macchine. Sebbene tale saga cinematografica sia frutto dell’immaginazione e della fantascienza, alcuni scienziati ritengono davvero che potremmo tutti vivere in un vero e proprio Matrix.

In primo luogo, c’è il filosofo britannico Nick Bostrom, secondo il quale stiamo vivendo in una versione estremamente sofisticata di The Sims . L’idea è che abbiamo la capacità e la voglia di costruire la nostra realtà simulata, come dimostra la crescente industria dei videogiochi. Quindi è inevitabile che noi costruiremo il nostro Matrix, un giorno, quando il nostro livello di tecnologia ce lo permetterà. La simulazione continuerà a crescere nella realtà e sarà così complessa da avere un giorno la propria civiltà, andando così avanti all’infinito. Se ciò fosse vero, allora ci potrebbe essere un numero virtualmente infinito di simulazioni là fuori.

Il fisico Silas Beane, dell’Università di Bonn, in Germania, ritiene che, se stiamo vivendo in una simulazione realizzata da un computer, il nostro universo dovrebbe avere una “risoluzione”; in altre parole, ci dovrebbe essere un limite a quanto può esistere qualcosa di piccolo, come nulla può essere più piccolo del pixel sullo schermo del computer.

Tale limite è chiamato Greisen-Zatsepin – Kuzmin o limite GZK. Beane pensa che potrebbe essere la prima prova che il mondo intorno a noi è composto di bit artificiali creati da qualche altra intelligenza. Naturalmente, questa evidenza non potrebbe essere che convincente di per sé, ma Beane ed i suoi colleghi sono occupati a cercare nuovi modi per rilevare il computer nel quale potremmo vivere, presumibilmente mappando l’universo alla ricerca del Blue Screen of Death.

2. Probabilmente, là fuori, esiste una copia di noi stessi

Thinkstock / Photos.com

Thinkstock / Photos.com

Quasi ogni film di fantascienza che si rispetti presenta la versione malvagia, l’alter ego dell’eroe buono protagonista.  Tante sono le scene della storia del cinema in cui quest’ultimo combatte contro una versione barbuta e oscura di se stesso. Beh, se alcuni esperti hanno ragione, il vostro alter ego è là fuori, da qualche parte. La teoria parte dal fatto che ci sono solo un certo numero di combinazioni di particelle possibili. Per cui, in un universo abbastanza grande, tutti i bit finiranno per creare, alla fine, una copia di voi stessi.

Non è probabile che tu l’abbia mai incrociato, però. Le previsioni della scienza dicono che il vostro sosia vive circa 10 elevato 10 28 metri di distanza da voi. Tuttavia, quanto più grande è l’universo, tanto più probabile è che ci sia un altro voi che vada in giro là fuori. Gli scienziati in realtà non sanno quanto sia grande l’universo è, a proposito, ma se davvero dovesse essere infinito il fatto di avere un gemello cosmico è assolutamente certo.

3. Un giorno potremmo entrare in collisione con un altro universo

Neven Bijelic / Photos.com

Neven Bijelic / Photos.com

La teoria delle stringhe suggerisce, tra le altre cose, che l’intero universo sia attaccato ad un foglio di tessuto gigantesco che gli scienziati chiamano “brane”. Per cui tutta la realtà è solo uno scarabocchio sul retro di un tovagliolo macchiato di caffè.

Per di più è che non siamo l’unico Brane là fuori. Sembra che esistano altri Brane galleggianti intorno nel nulla cosmico che si trova al di fuori del nostro universo. Questi sarebbero tutti universi paralleli.

Il fisico Alex Vilenkin ei suoi colleghi della Tufts University pensano di aver trovato i segni di una collisione tra il nostro universo e un altro ad un certo punto della nostra storia. La “radiazione cosmica di fondo” è un segnale radioattivo debole che permea l’intero universo e tutti i calcoli della scienza insistono sul fatto che dovrebbe essere abbastanza uniforme in tutto l’universo. Ma non è così. Ci sono punti caldi e altri freddi in alcuni luoghi. Vilenkin e Co. pensano che questa interruzione potrebbe essere la prova che altri universi siano entrati in collisione con il nostro.

4. L’universo può funzionare come un computer gigante

backtasan/Photos.com

backtasan/Photos.com

Un’altra teoria suggerisce che l’universo è in sé un computer. Secondo questa visione della realtà, tutte quelle stelle, pianeti, galassie e buchi neri sono solo circuiti e processori di una scheda madre gigante.

Questa è la teoria avanzata dal professore di informazione quantistica a Oxford Vlatko Vedral. Ritiene che la componente fondamentale dell’universo non sia un’ unità di materia, ma un “bit”, che è lo stesso tipo di bit che il computer utilizza ( cioè, la più piccola quantità di informazione che può essere trasmessa). Fondamentalmente, un bit è solo una risposta: sì o no a una domanda e il computer utilizza interruttori magnetici molto piccoli per fare i suoi calcoli. Vedral vuole che noi immaginiamo le particelle subatomiche funzionanti con lo stesso meccanismo – trilioni e trilioni di risposte sì-no che turbinano nel vuoto.

Dopo tutto, ogni volta che una particella entra in contatto con un’altra particella, si scambiano bit di informazioni. Il professor Seth Lloyd, del MIT, è d’accordo. Lloyd è l’inventore del primo computer quantistico funzionante. Questo è un computer che utilizza minuscole particelle come gli atomi e gli elettroni, invece di grossi pezzi di elettronica come microchip. E questo è in fondo quello di cui stiamo parlando qui su una scala più grande, portando Lloyd ad affermare letteralmente che l’universo è un computer quantistico.

5. Potremmo vivere all’interno di un buco nero

Buco nero in una galassia

Probabilmente già sapete che i buchi neri sono oggetti così densi che nemmeno la luce può sfuggirvi. Ma quello che probabilmente non sapete è che noi potremmo trovarci a vivere all’interno di uno di essi. Secondo il Dott. Nikodem Poplawski dell’Indiana University, tutta la materia che viene risucchiata in un buco nero potrebbe finire per trasformarsi in un nuovo universo all’altro capo. Dopo tutto, quando si chiede agli scienziati ciò che accade alle cose alle cose inghiottite da un buco nero, la maggior parte di essi farà spallucce e ammetterà che si tratta di uno dei grandi misteri dell’universo.

I calcoli mostrano che l’altra estremità teorica di un buco nero, un “buco bianco”, è una versione tempo-invertita del buco nero. Abbiamo fatto due conti noi stessi solo per assicurarsi. In altre parole, il buco nero attira materia e la comprime, mentre un buco bianco la rigurgita. Questa compressione ed espansione della materia è matematicamente equivalente alla creazione di un universo.

L’implicazione è che ogni buco nero nel nostro universo può contenere un proprio universo interno . Di conseguenza, il nostro universo dovrebbe essere di per sé all’interno di un buco nero, che a sua volta sarebbe all’interno del proprio universo.

6. Il tempo, prima o poi, si fermerà

Orologio

Da quando il Big Bang è avvenuto circa 14 miliardi di anni fa, l’universo si sta espandendo. La cosa strana è che il tasso di espansione dell’universo sembra essere in aumento, a dispetto del buon senso. Fino a poco tempo, si è ritenuto piuttosto intuitivo che tutto stia rallentando in quanto la forza di gravità succhia tutte quelle galassie indietro verso l’altro. Molti scienziati teorizzano una cosa chiamata “energia oscura” come colpevole, una sorta di invisibile anti-gravità che spinge in realtà lontano le galassie. Ma una nuova teoria dei ricercatori di due università spagnole sostiene che l’universo non è in realtà in accelerazione, quanto piuttosto sia il tempo a rallentare. Se questo è vero, allora potremmo spiegare perché le galassie lontane sembrano accelerare. Molto semplicemente, la loro luce impiega molto tempo per arrivare a noi, così noi le stiamo vedendo in un momento storico in cui il tempo si muove letteralmente più velocemente di quanto non accada oggi. Ciò significa che il tempo rallenterà fino a quando non si bloccherà per l’eternità.

Se la teoria è corretta, poi ad un certo punto, in futuro, sembrerà, agli occhi di un osservatore esterno, che ci muoveremo tutti al rallentatore.

8 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti