Inghilterra choc: bambino di 1 mese violentato e maltrattato

Raccapricciante notizia quella che ci giunge dall'Inghilterra dove un bambino, avente poco più di un mese di vita, è stato vittima di maltrattamenti e violenze sessuali. Il piccolo ha diverse costole fratturate, un braccio rotto ed è attaccato ad una macchina che gli permette di sopravvivere dopo l'attacco di cuore che ha subito a seguito delle ferite riportate. Arrestati un uomo e una donna.

di Simona Vitale 4 Dicembre 2011 16:48

Notizia scioccante quella che ci giunge dall‘Inghilterra, una di quelle che mai vorremmo raccontare e che ha come vittima un bambino piccolissimo. Ebbene sì un bambino, avente solo un mese di vita, è stato violentato e maltrattato e adesso sta lottando per sopravvivere. E’ stato anche vittima di un arresto cardiaco a causa delle terribili ferite riportate. Sicuramente questo è uno dei casi di abuso di minori più gravi mai accaduti in Gran Bretagna dove, il quasi neonato, ha riportato costole fratturate, un braccio rotto, un polmone perforato e gravi contusioni. Oltre, purtroppo, a delle ferite che indicavano che il piccolo aveva subito delle violenze sessuali. Due le persone arrestate, un uomo di 35 anni, accusato di stupro e lesioni personali gravi, e una donna di 33.

Il bambino è stato trasportato presso il Darent Valley Hospital di Dartford, nel Kent, giovedì, ma dopo l’attacco di cuore che ha subito è stato trasferito al King College Hospital nel sud di Londra, dove dalla scorsa notte è attaccato ad una macchina che lo tiene in vita. Una fonte vicino alla Polizia ha rivelato: “Sono le peggiori lesioni che sia i medici che la polizia abbiano mai riscontrato in una persona così giovane, un bambino di appena 30 giorni. E’ un miracolo che sia ancora vivo, nonostante il fatto che, purtroppo, non sia fuori pericolo”. La polizia sta ancora indagando, mentre le due persone accusate si trovano attualmente presso la stazione di polizia del North Kent.

AGGIORNAMENTI: corteo in città da parte di più di 100 persone per il bambino, la Polizia invita alla calma.

Commenti