Francia, professoressa si suicida davanti a 3mila studenti dandosi fuoco

Soffriva di depressione e i suoi alunni non sopportavano i metodi tradizionalisti

di Gianni Monaco 18 Ottobre 2011 14:19

Se la situazione della scuola italiana è drammatica – qualche giorno fa vi abbiamo raccontato del prof di lettere che faceva l’agricoltore – anche nel resto d’Europa vive una fase di gravissima difficoltà. Emblematico quanto avvenuto in Francia. Lyse Bonnafaus, docente di 44 anni, si è uccisa dandosi fuoco nel cortile della sua scuola davanti a 3mila studenti.

La donna aveva avuto un diverbio con i suoi alunni. Aveva deciso di saltare una lezione. Poi si era cosparsa il corpo di benzina dicendo che se si uccideva era proprio per colpa degli studenti. La professoressa ha iniziato a correre tra le fiamme e a nulla sono valsi i tentativi di spegnere l’incendio di colleghi e ragazzi. I pompieri sono arrivati troppo tardi.

La donna soffriva di depressione da qualche anno, anche a causa di un lutto in famiglia. I suoi alunni non sopportavano i suoi metodi tradizionali e per questo i dissidi erano molto frequenti. Le violenze ai danni dei prof sono sempre più frequenti in Francia, dove si è scatenato un dibattito anche sugli stipendi. Miseri. Non come quelli degli insegnanti italiani, ma quasi (1.500 euro al mese).

Commenti