Curiosity scopre i torrenti d’acqua che scorrevano su Marte

Il rover della NASA ha scoperto ciò che prima, secondo gli scienziati, erano dei torrenti d'acqua che scorrevano sul pianeta rosso.

di Elena Arrisico 28 Settembre 2012 11:09

Nuove notizie giungono dal pianeta rosso e a darle è, come sempre, Curiosity: il rover inviato, qualche settimana fa, su Marte in cerca di tracce di vita passata e per studiare la composizione delle rocce marziane.

Curiosity ci ha sbalorditi con le foto a colori dei paesaggi – scattate dalla Mastcam, la camera a focale fissa a 34 millimetri, fissata sulla testa del robot – con le immagini dell’eclissi parziale di Sole ed adesso lo fa con una scoperta unica: su Marte, un tempo, c’era l’acqua.

Gli scienziati della NASA sono convinti di ciò, in base ai dati e alle immagini ricevute dalla sonda Curiosity; le foto mostrano, infatti, chiare tracce lasciate da antichi letti di corsi d’acqua. Curiosity è dotata di sensori e di un laboratorio chimico che userà nei 2 anni della missione che riguarda, soprattutto, lo studio di una montagna di circa 5 mila metri di roccia stratificata: Mount Sharp.

I sedimenti rilevati, secondo gli scienziati della NASA, sono una probabile prova che su Marte, un tempo, vi fosse acqua; così come lo è anche la disposizione delle pietre trovate, che denotano antichi torrenti di cui sono visibili ancora i letti ed i sedimenti alluvionali.

L’attenzione degli scienziati è, inoltre, stata attirata da un macigno conficcato nel terreno – di natura diversa rispetto alle pietre circostanti – che sembra essere troppo grande per essere stato depositato lì da altro che dall’acqua. Così, la presenza dell’acqua porta a pensare, ancora una volta, che nel passato di Marte possa esserci stata della vita, anche solo microscopica:

Certamente l’acqua che scorre è un posto dove microorganismi possono aver vissuto, potrebbe anche avere tracce degli elementi che normalmente associamo ad un ambiente dove può esserci vita“.

Ha spiegato John Grotzinger, scienziato del California Institute of Technology. La NASA ha, da poco, dichiarato che alcuni astronauti potrebbero essere inviati in missione su Marte, entro il 2030.

Commenti