Buche di Roma, lo stop per farle riparare dall’esercito

L'emendamento bocciato alla Commissione bilancio

di fabiana 18 dicembre 2018 16:00

Le buche di Roma? Sembra proprio che non sarà l’Esercito a ripararle: è stata la commissione Bilancio al Senato a dichiarare inammissibile l’emendamento per il risanamento delle strade della Capitale che assegnava proprio all’Esercito il compito della riparazione della buche della città. 

Il sostanza il Comune avrebbe comprato il bitume e l’Esercito si sarebbe occupato del lavoro. 

L’assegnazione “a Roma Capitale una dotazione finanziaria pari a 40 milioni di euro per l’anno 2019 e a 20 milioni di euro per l’anno 2020 per interventi di ripristino straordinario della piattaforma stradale della grande viabilità da eseguirsi con apposito Protocollo di Intesa con il Ministero della Difesa, che concorre ai citati interventi di ripristino attraverso l’Arma del Genio dell’Esercito italiano” in pratica la proposta di modifica, di fatto sarebbe stata bocciata. 

Il Messaggero, aveva anticipato che la proposta aveva ricevuto l’ok dal vertice di maggioranza a Palazzo Chigi di domenica sera, ma poi in commissione le cose sono andate diversamente. 

Ora sembra che la maggioranza stia provvedendo a rivedere il testo. 

Inutile creare allarmi ingiustificati. L’intervento per la manutenzione delle strade di Roma ci sarà e sarà regolarmente finanziato. Stiamo effettuando una semplice correzione formale del testo, che sarà ripresentato a breve e che finalmente aiuterà la Capitale a risolvere l’annosa questione delle buche nelle strade. 

Ha dichiarato invece il viceministro dell’Economia Laura Castelli. 

L’emendamento aveva previsto una serie di stanziamenti, 5 milioni di euro nel 2019 a disposizione del genio militare per acquistare le le macchine asfaltatrici e 60 milioni all’amministrazione capitolina per acquistare la materia prima. Nel 2020 ci sarebbero stati altri 20 milioni totali a disposizione. 

È una grande vittoria per Roma e i romani. Il governo sta mantenendo le promesse, ha stanziato i fondi per il rifacimento delle strade, ulteriori fondi per il trasporto pubblico. Verrà impiegato l’esercito e il genio militare. Chiaramente è solo l’inizio, il governo ha stanziato ulteriori fondi anche per il trasporto pubblico, vediamo finalmente un esecutivo che è interessato alle sorti della capitale. 

Aveva esultato via social Virginia Raggi. Naturalmente prima della bocciatura. 

photo credits | instagram

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti