La setta cristiana che forzava una donna a mangiare genitali animali

Molte le donne costrette anche a partecipare a delle orge. Si indaga per verificare l'eventuale coinvolgimento di minorenni.

di Simona Vitale 20 Febbraio 2013 19:26

Una setta di nome Defenders of Christ” (Difensori di Cristo) è stata sciolta in Messico il mese scorso dopo che si è scoperto che costringeva le donne a partecipare a delle orge e a mangiare organi genitali di animali, come rivendicato dalla moglie di uno dei leader della setta.

Le autorità di immigrazione messicane hanno fatto irruzione nella casa, dove la setta aveva dimora, nello stato settentrionale di Nuevo Laredo il 25 gennaio, con il fermo di 14 stranieri, tra cui il suo leader spagnolo Ignacio Gonzalez de Arriba, e 10 messicani. Gonzalez de Arriba si considera la reincarnazione di Cristo e ha utilizzato Internet per reclutare adepti, nonché offrire lezioni sulla ‘bio-programmazione’, sull’assistenza sanitaria alternativa, sui poteri psichici e sulla sessualità, secondo quanto reso noto da Victim Support Network, che aiuta le persone a fuggire dalle sette.

Blanca Castro, che era sposata con un leader venezuelano della setta, nel corso di una conferenza stampa ha fatto sapere che gli adepti cominciavano a dubitare persino del loro stesso nome. “Mi hanno fatto mangiare organi genitali crudi di animali. E sai una cosa? Quando stai morendo di fame si mangia qualsiasi cosa”, ha riferito la donna che ha anche aggiunto di come i leader dei Difensori di Cristo, sostenessero che l’igiene fosse una totale perdita di tempo.

Blanca Castro, che ha sposato Losanger Jose Arenas Segovia nel 2009, ha detto che è stata violentata, costretta a sedute di sesso di gruppo, bloccata e malmenata. Ha vissuto con la setta per 10 mesi nel 2010 fino a quando è riuscita a fuggire e a dirigersi verso il Perù.

Gonzalez de Arriba è ora indagato in merito alla possibilità che anche dei minori possano essere stati coinvolti in delle orge. Secondo Victim Support Network la setta era presente in 80 paesi, con 4.000 adepti in Messico e 10.000 nel resto del mondo. Il reclutamento è cominciato in internet nel 2004 e gli adepti sborsavano una quota di “iscrizione”, compresa tra i $ 1.300 e $ 130.000.

Coloro che sono disposti a sborsare l’importo massimo hanno garantito il titolo di ‘apostolo di Cristo‘ all’interno della setta, la cui tenuta nel nord del Messico è stata soprannominata ‘Il Monastero‘. Una volta lì, avevano il compito di reclutare nuovi adepti.

Commenti