Berlusconi scrive le lettere alla gente morta: ecco la testimonianza

La denuncia arriva da Daniele Imola, candidato al Pd al Senato, che pretende ora scuse pubbliche dal Cavaliere.

di Simona Vitale 20 Febbraio 2013 18:26

Sembra che Silvio Berlusconi invii le lettere per la restituzione dell’Imu anche alla gente morta. Una testimonianza c’è offerta da  Daniele Imola, ex sindaco di Riccione e candidato Pd al Senato, che pretende delle scuse pubbliche da parte dell’ex Premier che ha recapitato la missiva al padre defunto di Imola.

Scrive il candidato del Pd: 

Questa mattina mia mamma ha ricevuto la letterina di Berlusconi, che oltre a essere una presa in giro a tutti gli italiani (e che riceverà domenica e lunedì la risposta che merita), nel nostro caso e’ anche un oltraggio e una violenza personale. Infatti la letteraccia è intestata a mio padre Duilio, morto nel 2010. E come alla mia famiglia, chissà a quante altre persone defunte e’ stata recapitata riaprendo ferite con dolore e rabbia. Da chi e’ padrone quasi esclusivo della comunicazione bisogna pretendere almeno rispetto per i morti. Io pretendo scuse pubbliche per il dolore che ci ha provocato. Si deve vergognare.

Commenti