Beppe Grillo attacca Equitalia ed esplode la polemica politica

Per il comico genovese bisogna "capire i motivi della violenza". La risposta di Debora Serracchiani (Pd): "E' estremamente pericoloso associare gli attentati alle sedi di Equitalia a un giudizio di disumanità nei confronti del sistema esattoriale".

di Gianni Monaco 3 Gennaio 2012 11:16

In questi ultimi mesi Equitalia è stata vittima di diversi attentati alle proprie sedi. Ieri Beppe Grillo ha detto che se l’agenzia di recupero crediti “diventa un bersaglio non basta condannare la violenza, ne vanno capiti i motivi. Un avviso di pagamento di questa agenzia è diventato il terrore di ogni italiano. Se non paga l’ingiunzione ‘entro e non oltre’ non sa più cosa può accadergli. Non c’è umanità in tutto questo e – ha aggiunto il blogger – neppure buon senso”. Il leader del Movimento 5 Stelle, che da mesi esprime una posizione molto critica nei confronti dell’ente che riscuote i crediti per conto dello Stato, ha inoltre consigliato a Mario Monti di prendere in considerazione l’idea di chiuderlo nel caso in cui non si riuscisse a riformarlo drasticamente.

L’intervento del comico genovese ha suscitato un vivacissimo dibattito in Rete ed è stato ripreso da tutti i principali siti on line. Migliaia i commenti di persone che esprimono sostegno a Grillo e anzi lo rimproverano di essere stato troppo moderato con il braccio operativo dell’Agenzia delle Entrate. Quello dei pignoramenti di aziende e immobili per colpa di cifre irrisorie non pagate al fisco sta ormai diventando un dramma nazionale. Nello stesso tempo, i grandi evasori continuano a godere di clamorosi privilegi: basta chiedere a tutte le star che hanno risolto la propria posizione con lo Stato italiano pagando una piccola percentuale del debito.

Dura, invece, la reazione della maggioranza che sostiene il governo, con in testa il Partito Democratico: “E’ estremamente pericoloso associare gli attentati alle sedi di Equitalia a un giudizio di disumanità nei confronti del sistema esattoriale – ha detto Debora Serracchiani. – Grillo sembra adombrare il giustificazionismo dei bombaroli. E’ un peccato – ha aggiunto l’europarlamentare del Pd – anche perché l’ex comico si poteva ritagliare un ruolo più propositivo di quanto non sia cavalcare banalmente il malcontento”. Per la Serracchiani, le dichiarazioni di Grillo lo avvicinano sempre più all’agire politico e alla comunicazione della Lega Nord e di Berlusconi.

Ma sulla pagina Facebook dell’europarlamentare, sono moltissimi i fan che esprimono vicinanza al blogger e si scagliano contro Equitalia e la politica. “Grillo fa un’analisi dell’azione-reazione, quella che avreste dovuto fare voi (del Pd, ndr). Ma siete, ormai, fuori dalla realtà e lontani – scrive un utente di Facebook. – Io odio la violenza ma cerco anche di capire la disperazione la rabbia di chi perde tutto”.

Commenti