Australia, fumare potrebbe diventare un reato

Dopo la legge sui nuovi pacchetti di sigarette, arriva un'altra proposta che darà filo da torcere all'industria del tabacco.

di Elena Arrisico 24 Agosto 2012 13:49

Dopo aver dato guerra alle multinazionali del tabacco con il via libera alla legge che, dall’1 dicembre, imporrà su ogni pacchetto di sigarette foto dimostrative di ciò che può accadere a chi fuma e la rimozione del logo, adesso l’Australia vola ancora più in alto con una proposta di legge che trasformerebbe il fumare in un vero e proprio reato.

Del resto, fumare fa male – provoca il cancro, occlude le arterie e via dicendo – anche a chi sta intorno al fumatore e, magari, non vorrebbe averci nulla a che fare; non solo a chi conosce il rischio che corre e vuole affrontarlo ugualmente. In fondo, a nulla sono serviti i divieti di fumo in luogo pubblico o le scritte sui pacchetti di sigarette, perché la salute della gente continua a non essere salvaguardata in questo senso e le industrie del tabacco continuano ad ingrassare. Ad ogni modo, probabilmente, dichiarare fuorilegge le sigarette farà crescere il traffico illegale, come accade attualmente per la droga.

La nuova proposta di legge è stata fatta in Tasmania, dove il provvedimento proibirà la vendita di sigarette, sull’isola-stato dell’Australia, a tutti quelli nati dal 2000 in poi.

Commenti