Direttore Uffizi e ciocca di di capelli di Leonardo Da Vinci, nessuno ci crede

Al via le celebrazioni dei 500 anni dalla morte del genio del Rinascimento italiano

di fabiana 2 Maggio 2019 15:00

La ciocca da capelli di Leonardo Da Vinci? “È una cosa veramente sciocca”, visto che il reperto sarebbe “fuori epoca per il Rinascimento”. Parola dello storico dell’arte tedesco Eike Schmidt, nonché direttore degli Uffizi di Firenze secondo il ciuffo di capelli ritrovato oltreoceano e indicato come appartenente al genio italiano, sarebbe un falso. 

La preziosa reliquia, ‘Les Cheveux de Leonardo da Vinci’, è stata esposta a Vinci in occasione della mostra ‘Leonardo vive’ che ha debuttato il 2 maggio, giorno del quinto centenario della morte dell’italiano. 

La ciocca adesso verrà sottoposta alla ricerca del Dna di Leonardo, ma è anche vero che il cimelio esposto nella mostra, non sembra entusiasmare alcuni esperti del settore. I dubbi sulla provenienza della ciocca sono molti, ma solo l’esame genetico potrà sciogliere gli ultimi dubbi. 

Secondo Schmidt potrebbe arrivare la definitiva smentita del legame con l’inventore italiano. Molto improbabile che un cimelio del genere potesse trovarsi improbabile che un reperto del genere potesse trovarsi in una collezione privata degli Stati Uniti, nonostante dando l’annuncio del ritrovamento, ma improbabile anche la datazione. 

La tradizione di collezionare ciocche di famosi personaggi oppure dei propri cari risale al Romanticismo, all’800. Sarebbe stato fuori epoca per il Rinascimento. 

Secondo il direttore del museo toscano. Intanto oggi, 2 maggio, scattano le celebrazioni dei 500 anni della morte di Leonardo da Vinci con l’avvio di tante iniziative in occasione della ricorrenza. 

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella si è recato al castello di Amboise, sulla Loira, dove è stato accolto dal capo di Stato francese, Emmanuel Macron proprio per inaugurare le celebrazioni: all’interno della cappella del castello, si trova la tomba di Leonardo. Il genio italiano viene anche omaggiato con quattro tra disegni e dipinti di Leonardo da Vinci scelti per illustrare i francobolli emessi per ricordare il quinto centenario della morte del protagonista del Rinascimento. 

photo credits | instagram

Commenti