Vaccino cinese anti-Covid 19 pronto tra novembre e dicembre

di Maria Barison 16 Settembre 2020 13:43

Arrivano notizie piuttosto confortanti dalla Cina sul vaccino anti-Covid 19 e stando alle ultime sperimentazioni dovrebbe essere pronto tra novembre e dicembre. La Cina è il luogo dov’è nato il Coronavirus e tra l’altro risulta essere anche il più grande produttore mondiale di farmaci e ben nove, dei trenta vaccini anti Covid-19 arrivano proprio da lì.

Stando a quanto detto da un’esperta del Centro cinese per la prevenzione e il controllo delle malattie, Wu Guizhen, citata dal Global Times, le prime dose del vaccino cinese saranno già disponibile tra novembre e dicembre. Al momento sono cinque i vaccini cinesi anti-Covid 19 che si trovano nella fase tre di sperimentazione.

Tra l’altro, durante la scorsa settimana, l’Università di Hong Kong, in collaborazione con ricercatori della Cina continentale, ha dichiarato come un vaccino da somministrare tramite spray nasale stesse per entrare nella prima fase di studi clinici, mentre un altro farmaco sperimentale è stato inoculato a migliaia di persone. Stiamo praticamente parlando di una vaccinazione di massa che a questo punto potrebbe essere arrivata nettamente prima del completamento degli studi scientifici.

Il vaccino Sinovac già somministrato ad oltre 3mila persone

In Cina è da mesi che si sta studiando una soluzione per poter combattere questo virus che non sembra voler assolutamente arrestarsi, ma continua a creare panico in tutto il mondo, con ormai casi che crescono quotidianamente senza poter fare nulla di concreto. Già però sul suolo cinese ci sono stati diverse persone che si sono sottoposte ad un vaccino anti-Covid 19 sperimentale ed è stata una stessa casa farmaceutica a proporlo a tutti i suoi 3mila dipendenti e famiglie. Si tratta del vaccino CoronaVac sviluppato dalla Sinovac Biotech ed è arrivato ora nella fase tre degli studi clinici.

Quando potrà arrivare questo vaccino anti-Covid 19?

Il portavoce della casa farmaceutica, Liu Peicheng, ha confermato che effettivamente ai circa 3mila dipendenti e alle loro famiglie è stato offerto il farmaco su base volontaria. Chiaramente bisognerà attendere i risultati delle ultime sperimentazioni per capire se questo vaccino potrà arrivare sul mercato, ma secondo l’amministratore delegato di quest’azienda farmaceutica entro la fine dell’anno ci sarà l’approvazione. Qualcosa insomma inizia a muoversi con molta più insistenza dal punto di vista dei vaccini, la Cina sta provando a bruciare le tappe ed i risultati al momento sono abbastanza positivi. Attendiamoci novità importanti a riguardo.

Commenti