Surfista 38enne sbranato da squalo in California

Già due anni fa un giovane di 19 anni, Lucas McKaine Ransom, era rimasto ucciso in circostanze analoghe a poca distanza da SurfBeach.

di Simona Vitale 24 ottobre 2012 14:31

Ritorna l’incubo squali a Santa Barbara in California. Un surfista di 38 anni è stato ucciso da uno squalo a Surf Beach, vicino alla base aerea di Vandenberg, a nord di Los Angeles. Dopo l’attacco la spiaggia è stata immediatamente chiusa al pubblico. In due anni si tratta già della seconda vittima in due anni in quella che è una meta ambita da molti esperti surfisti. La portavoce dello sceriffo, Melissa Jaramillo, spiegando che l’allarme è stato lanciato da un amico della vittima, ha asserito che si è trattato di un attacco che non ha lasciato affatto scampo alla vittima.

“Un compagno, che stava facendo surf anche lui e ha assistito all’attacco, lo ha raggiunto a nuoto e trasportato fino alla riva“, ha fatto sapere l’ufficio dello sceriffo in un comunicato. Immediati sono giunti i soccorsi sulla spiaggia, ma non c’è stato nulla da fare e i paramedici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. Proprio due anni fa, il 22 ottobre 2010, a pochissima distanza da Surf Beach, uno squalo aveva attaccato Lucas McKaine Ransom, un giovane surfista di 19 anni, uccidendolo. In quell’occasione, il surfista fu attaccato da uno squalo di oltre 6 metri di lunghezza che gli provocò una grossa ferita.

Oltre 100 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti