Siberia, ragazza chiama la madre mentre un orso la sta sbranando viva

di Simona Vitale 24 agosto 2011 10:18

Tragedia nella Siberia Orientale. Una giovane ragazza di 19 anni, Olga Moskalyov, stava trascorrendo qualche giorno di campeggio lungo un fiume vicino Petropavlosk-Kamchatsky, insieme al patrigno Igor Tsyganenkov.

La vacanza si è però trasformata in un incubo, in una tragedia quando i due sono stati attaccati da un orso bruno e dai suoi tre cuccioli, scagliatisi contro di loro con una ferocia davvero incredibile.

La giovane ragazza ha cercato di correre, ma dopo 7o metri la sua corsa è stata arrestata dall’orsa, che si è scaraventata con forza su di lei. Durante l’aggressione da parte dell’orsa, Olga è riuscita a chiamare con il cellulare la madre.

La donna inizialmente pensava ad uno scherzo di pessimo gusto, ma ha poi riferito di aver colto lo strazio e il dolore nella voce della figlia, oltre al rumore dell’orso che masticava. La donna ha altresì dichiarato di essere rimasta talmente colpita, che ha pensato di morire per lo shock.

La conversazione pare che si sia bruscamente interrotta, ma dopo una mezz’ora dalla prima telefonata ne sarebbero arrivate altre due, angoscianti, prima del silenzio.

7 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: siberia
Commenti