Scienziati ricreano embrione sintetico senza utero o sperma

Una scoperta che potrebbe avere scopi medici importanti

di Maria Barison 5 Agosto 2022 3:30

Sembra che la scienza non smetta mai di stupire dopo che gli scienziati sono stati in grado di creare i primi “embrioni sintetici“, senza l’uso di sperma, uova o fecondazione. Il risultato è stato salutato come un’impresa fondamentale, in quanto potrebbe persino aiutare a curare malattie come la leucemia grazie alla capacità di creare cellule e tessuti umani utilizzando metodi diversi.

Questa scoperta è avvenuta al Weizmann Institute in Israele, utilizzando cellule staminali di topi che potrebbero creare un embrione con un cuore pulsante, un tratto intestinale e la formazione precoce di un cervello. Il professor Jacob Hanna ha guidato questi sforzi monumentali e ha detto tra citazioni pubblicate dal Guardian: “Sorprendentemente, dimostriamo che le cellule staminali embrionali generano embrioni sintetici interi, il che significa che questo include la placenta e il sacco vitellino che circonda l’embrione. Siamo davvero entusiasti di questo lavoro e delle sue implicazioni”. I dettagli del lavoro per intero sono inclusi su cell.com.

Il team di Hanna ha assunto un ruolo di primo piano in un lavoro di questo tipo, dopo essere riuscito incredibilmente a costruire un utero meccanico che ha permesso agli embrioni di topi di crescere al di fuori dell’utero per un certo numero di giorni. Ma prima che ci lasciamo trasportare troppo, Hanna ha in qualche modo mitigato le aspettative affermando che questi embrioni non possono trasformarsi in animali vivi. Per renderli vivi questi embrioni sono stati messi nel grembo di topi femmine. Sarebbe giusto dire che la ricerca è per motivi filantropici, con Hanna che avvia una società chiamata Renewal Bio. Il loro scopo è coltivare embrioni sintetici umani che creano tessuti e cellule per condizioni mediche.

Parlando degli sforzi, ha detto tra virgolette tramite il Guardian: “In Israele e in molti altri paesi, come Stati Uniti e Regno Unito, è legale e abbiamo l’approvazione etica per farlo con cellule staminali pluripotenti indotte dall’uomo. Ciò fornisce un’alternativa etica e tecnica all’uso degli embrioni“. Alla luce di questi enormi progressi compiuti, ci sono state alcune parole di avvertimento del dottor James Briscoe, che è uno dei principali leader del gruppo presso il Francis Crick Institute di Londra. Ha sottolineato l’importanza di regolamentare la ricerca intrapresa sugli embrioni sintetici. “Gli embrioni umani sintetici non sono una prospettiva immediata. Sappiamo meno degli embrioni umani rispetto agli embrioni di topo e l’inefficienza degli embrioni sintetici di topo suggerisce che tradurre i risultati nell’uomo richiede un ulteriore sviluppo. Ora è un buon momento per considerare il miglior quadro giuridico ed etico per regolamentare la ricerca e l’uso di embrioni sintetici umani e per aggiornare le normative vigenti“.

Commenti