Ragazzo vende un rene per comprare un iPhone: 5 arresti

Le condizioni di salute del giovane si aggravano adesso sempre più a causa dell'insufficienza renale.

di Simona Vitale 6 Aprile 2012 20:46

L’estrema povertà e il desiderio di avere cose che magari tanti adolescenti nel mondo possono normalmente permettersi, posso spingere a gesti folli e tali da far rischiare la propria vita. Cinque persone nel sud della Cina sono state accusate di lesioni intenzionali, nel caso di un adolescente cinese, che ha venduto un rene in modo da poter comprare un iPhone e un iPad, come riferisce l’Agenzia di stampa governativa Xinhua. Tra i 5 accusati anche un chirurgo che ha rimosso il rene dal ragazzo di 17 anni nell’aprile dello scorso anno. Il giovane, identificato solo con il suo cognome Wang, ora soffre di insufficienza renale. Secondo il racconto di Xinhua, uno degli imputati ha ricevuto circa 220.000 yuan (35.000 dollari) per organizzare il trapianto. Ha pagato 22 mila yuan a Wang e ha diviso il resto con il chirurgo, gli altri tre imputati ed altro personale medico. L’adolescente proviene da Anhui, una delle province più povere della Cina, dove gli abitanti spesso cercano di trovare un lavoro e una vita migliore altrove. Wang ha così comprato un iPhone e iPad, e quando gli venne  chiesto da sua madre dove avesse preso i soldi, ha ammesso di aver venduto un rene.

I prodotti Apple sono molto popolari in Cina, ma hanno un prezzo al di là della portata di molti cinesi. I costi degli iPhone partono da 3.988 yuan (633 $),  quelli degli iPads partono invece da 2.988 yuan (474 $). Ora l’insufficienza renale sta peggiorando le condizioni di salute di Wang. Solo una piccola parte delle persone che hanno bisogno di trapianti di organi in Cina sono in grado di farli, portando ad una sorta di “turismo del trapianto”, per il quale i pazienti viaggiano all’estero per tali operazioni, e ad un mercato nero degli organi umani.

La Cina ha vietato il commercio di organi umani nel 2007, riferisce l’agenzia Xinhua. Altre persone sospettate di essere coinvolte nel caso in questione sono attualmente sotto indagine.

Commenti