Pubblicità da infarto, 341 denunce: i video shock dello spot

La compagnia telefonica britannica Phones 4U ha subìto ben 341 denunce, a causa dei suoi spot pubblicitari che hanno spaventato a morte centinaia di bambini. Le pubblicità incriminate riprendevano troppi elementi di film horror, terrorizzando così genitori e figli, che preferivano di gran lunga cambiare canale.

di Simona Vitale 22 Novembre 2011 16:20

Phones 4U, la società telefonica britannica che rappresenta un colosso nel mercato dei cellulari, è stata messa alla sbarradopo la diffusione di uno spot pubblicitario che, a quanto sembra, spaventerebbe troppo i bambini. Lo spot incriminato è stato messo in onda nelle ore di punta e ci mostra una donna camminare in un parcheggio perseguitata dallo spettro di una bambina. Insomma, qualcosa che ricorda molto da vicino Samara, la terrificante bambina protagonista di “The Ring”.

Il risultato è stato che lo spot, anzichè far presa sul consumatore, ha spaventato a morte i più piccoli, terrorizzati da quella bambina tanto da piangere, urlare e voler cambiare canale a tutti i costi. Lo stesso per i genitori, spaventati sia dalle urla dei proprio figli che dalla visione della spettrale bambina. Conseguenza di queste reazioni sono state ben 341 denunce sporte all’Advertising Standards Authority (ASA) dai genitori dei bambini terrorizzati. Alla fine lo spot dice: “Se ti perdi le nostre offerte, ti perseguiteranno”. Stesso effetto prodotto da un altra pubblicità della stessa compagnia telefonica che mostra un ragazzo correre in un bosco, rincorso da una zombie.

Tuttavia, l’unica ad essere per il momento perseguitata è la compagnia telefonica, sebbene abbia comunque ottenuto l’effetto di far parlare molto dei propri spot pubblicitari che vi mostriamo di seguito, sperando che non terrorizzino troppo anche voi, nonostante siano stati prontamente ritirati dal piccolo schermo.

Pubblicità da infarto, 341 denunce: i video shock dello spot
Pubblicità da infarto, 341 denunce: i video shock dello spot
Tags: bambini · video
Commenti