Mediaset vince la causa contro Yahoo

di Vincenzo Avagnale 17 Settembre 2011 14:16

Di ieri la notizia ufficiale: il gruppo Mediaset ha vinto la causa intentata contro Yahoo Italia per la quale quest’ultimo era accusato di violazione del diritto d’autore.

Secondo quanto spiegato in una conferenza stampa indetta da Mediaset al termine del processo il succo della vicenda è che Yahoo avrebbe pubblicato materiale Mediaset protetto da copyright ed il tribunale ha condannato il gigante informatico a pagare una multa di 250 euro per ogni video non rimosso e per ogni giorno in cui il materiale rimarrà pubblicato indebitamente. Il risarcimento verrà poi valutato ed imposto il 18 ottobre 2011, anche se pare che la cifra non sarà astronomica; tuttavia il vero valore della sentenza per il gruppo di Cologno Monzese è quello di precedente giudiziario da utilizzare in un processo simile in atto fra Mediaset e Google/Youtube.

“Questa decisione, ribadendo un fondamentale principio di diritto, costituisce un altro passo decisivo nella direzione della tutela di tutti gli editori che investono nella produzione di contenuti originali e negli autori che li generano. Ancora una volta è stata infatti stabilita la diretta responsabilità dei provider in caso di diffusione non autorizzata di contenuti protetti da copyright. Viene così ulteriormente consolidata la giurisprudenza avviata dal Tribunale di Roma nei confronti di Google/Youtube e dal Tribunale di Milano verso Italia On Line” ha spiegato il portavoce di Mediaset durante la conferenza stampa.

Tuttavia il collegamento fra le due pendenze giudiziarie è, per i momento, solo nelle intenzioni di Mediaset; infatti la natura delle pubblicazioni su Yahoo e su Youtube sono estremamente differenti ed il risultato del processo resta ancora apertissimo. L’azienda della famiglia Berlusconi si pone tuttavia in vantaggio ed aggiunge un ulteriore tassello alla propria strategia volta a difendere i propri interessi sul copyright, Google rimane indietro ed incassa questo precedente insieme al respingimento del ricorso proposto nel 2010 contro la prima sentenza del 2009.

Commenti