Listeriosi, le regole per evitare il contagio

Ritirati 14 lotti di minestrone Findus per rischio listeriosi: le regole di prevenzione

di fabiana 7 luglio 2018 17:00

La Findus ritira dal mercato 14 lotti di minestrone per il rischio di contaminazione da listeria, un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes, che viene generalmente causata dall’ingestione di cibo contaminato.

La decisione, volontaria e in via del tutto precauzionale, di richiamare questi prodotti è stata presa a seguito della segnalazione della potenziale contaminazione da Listeria di una partita di fagiolini, utilizzati in minima parte all’interno dei prodotti oggetto del richiamo. Findus tiene a precisare che la categoria dei prodotti oggetto del richiamo prevede il consumo solo previa cottura, come chiaramente indicato sulle confezioni. La cottura del prodotto annulla ogni potenziale rischio per la salute. 

Questa è la nota riportata dall’azienda sul sito web che indica anche i lotti contaminati.

Minestrone Tradizione da un KG (L7311, L7251, L7308, L7310, L7334);

Minestrone Tradizione 400g (L7327, L7326, L7304 e L7303);

Minestrone Leggeramente Sapori Orientali 600g (L7257, L7292, L7318, L8011);

Minestrone Leggeramente Bontà di semi 600g (L7306).

Nel caso in cui si dovesse aver acquistato uno dei corri menzionati, l’invito è di contattare subito lo 800906030 o l’indirizzo mail [email protected]

In realtà nel momento in cui si procede alla cottura, si elimina ogni rischio di contaminazione.

Non si conosce neppure bene la dose necessaria per la contaminazione da Listeria: il rischio di sviluppare la malattia è presente anche con bassi livelli di carica batterica,  ma la maggior parte di bambini e adulti in buone condizioni di salute non presenta nessun sintomo dopo il consumo di alimenti contaminati o può presentare sintomi gastroenterici quando la contaminazione è molto elevata.

La listeriosi si presenta in diversi modi e la più comune è la gastroenterite acuta febbrile.

La prevenzione anche in questo caso è l’arma migliore: è sufficiente infatti attenersi a una serie di norme di igiene indispensabili per ridurre i rischi.

Gli alimenti devono essere accuratamente lavati e conservati:

è bene risciacquare con cura gli alimenti crudi, frutta e verdura, sotto l’acqua corrente prima di mangiarli.

pulire alimenti come meloni e cetrioli con una spazzola pulita

asciugare i prodotti con un panno pulito

separare le carni crude dalle verdure e dai cibi cotti e pronti al consumo.

Attenzione anche in cucina: mani, coltelli, piani di lavoro, taglieri vanno lavati dopo la manipolazione e la preparazione cibi crudi

la temperatura del frigorifero deve essere mantenuta sotto i 4°C e del congelatore sotto i -17°C

il frigorifero deve essere mantenuto pulito e soprattutto da avanzi di carni cruda

pareti interne e ripiani del frigorifero vanno accuratamente pulite con acqua calda e sapone liquido.

Occhio alla cottura della carne, ma è anche meglio evitare anche alcuni elementi come formaggi molli o latte a meno che non si abbia la certezza di che sia stato usato latte pastorizzato.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti