L’avvocato Mills: “Su Berlusconi ho mentito e mi vergogno: era una fiction”

L'inglese nega che l'ex primo ministro gli abbia fatto avere 600mila dollari tramite l'allora manager Fininvest Carlo Bernasconi. Silvio Berlusconi è sotto processo per presunta corruzione in atti giudiziari.

di Gianni Monaco 22 Dicembre 2011 17:32

Colpo di scena al processo Mills. L’avvocato inglese ha cambiato radicalmente versione sui famosi 600mila dollari. Prima sosteneva di averli ricevuti dal manager Fininvest Carlo Bernasconi per conto di Silvio Berlusconi. Oggi invece David Mills ha raccontato ai giudici di Milano qualcosa di molto diverso:  “Desidero rimarcare la totale innocenza del dottor Berlusconi, che non ha nulla a che fare con quei 600mila, dollari e mi scuso con lui per tutti i problemi che gli sono stati causati”.

Mills, in videoconferenza da Londra, ha spiegato che quella somma di denaro l’ha avuta dall’armatore Diego Attanasio e che si trattava di un “regalo”. E le affermazioni precedenti? L’avvocato le ha derubricate a “frutto della pura immaginazione, fiction: ho inventato tutto di fronte al fisco inglese”.

In tribunale c’era anche Silvio Berlusconi. Il fondatore di Mediaset era lì per assistere all’udienza del processo. L’ex primo ministro è imputato di corruzione in atti giudiziari. È entrato nel palazzo di giustizia milanese da una porta laterale e senza rilasciare dichiarazioni alla stampa.

Commenti