L’asteroide 2055 YU55 domani sfiorerà la Terra

Domani 8 novembre 2011 l'asteroide 2055 YU55 passerà davvero "molto vicino" alla Terra. Nessun pericolo rivelano gli esperti della NASA, ma cresce l'interesse per quello che sarà il passaggio più vicino di un corpo celeste al nostro pianeta nel corso degli ultimi 200 anni.

di Simona Vitale 7 Novembre 2011 13:40

L’asteroide 2055 YU55 sfiorerà la Terra intorno alle ore 23:28 di martedì 8 novembre 2011. Nessun allarme apocalisse, ma l’evento è importantissimo giacchè l’asteroide rappresenta il corpo celeste più grande che sia mai passato vicino al nostro pianeta. Don Yeomans, direttore della NASA ha dichiarato infatti che: “Non c’è alcuna possibilità che questo oggetto si scontrerà con la Terra o con la Luna

Con il suo diametro di circa 400 metri, l’asteroide ci passerà vicino ad una velocità  di circa 14 chilometri al secondo, come ha spiegato Giovanni Valsecchi, esperto di asteroidi dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica (INAF) di Roma. E, sebbene, la Terra non corra rischi, gli esperti della NASA si sono preoccupati di calcolare i danni che un’eventuale impatto dell’asteroide con la terra sarebbero stati prodotti.

Jay Melosh, professore di Scienze della terra e dell’atmosfera presso la Purdue University, ha riferito che se 2005 YU55 finisse sulla Terra si produrrebbe un’esplosione pari a 4.000 megatoni, ossia 4 miliardi di tonnellate di tritolo. L’impatto provocherebbe un terremoto di magnitudo 7.0, che se avesse epicentro nell’oceano generebbe onde di tsunami di oltre 100 metri.

Il passaggio dell’asteroide è altresì importante perchè segna il passaggio più vicino alla Terra di un corpo celeste nel corso degli ultimi 200 anni. Il prossimo avverrà nel 2028. C’è da dire che YU55 “sfiorerà” la Terra nel sul punto più vicino a circa 325.000 km, pari a circa 0.85 distanze lunari (la Luna si trova a 384.400 km dalla Terra). Il 9 novembre (alle 07:13 UT), l’asteroide passerà invece a 239.000 km dalla Luna.

L’oggetto, come dice Valsecchi “non sarà visibile ad occhio nudo, ma potrà essere seguito grazie all’ausilio di radared è probabile che possa essere seguito dagli astrofili per mezzo di un telescopio professionale”.

Il passaggio ravvicinato darà agli astronomi una splendida vista del 2005 YU55 e offrirà l’occasione per fare ricerche sulla composizione dello stesso.  Si tratta, infatti come dicono gli esperti, di un asteroide di tipo C, il che significa che contiene minerali a base di carbonio, che potrebbero essere utilizzati per le future esplorazioni spaziali.

Di seguito vi mostriamo l’animazione che riproduce il passaggio di YU55 vicino alla Terra, per cercare di comprendere meglio tutte queste dinamiche spaziali:

Commenti