La storia della bambina trans Ella Scott

Una storia che potrebbe ispirare genitori in situazioni simili

di Maria Barison 22 Luglio 2022 22:21

Ella Scott, di sei anni, ha detto ai suoi genitori che non si sentiva un ragazzo. Due anni dopo, la sua famiglia ha brillantemente deciso di organizzare una festa di rivelazione del genere. Inizialmente sua madre Nikki, 38 anni, e suo padre Graham, 39 anni, non erano sicuri se, in così giovane età, Ella stesse solo attraversando una fase. Tuttavia, all’età di otto anni, hanno pensato che fosse il momento migliore per abbracciare l’identità trans della figlia. Nikki ha detto:

“Con Ella è come se l’avesse sempre saputo, ma non l’abbiamo fatto. Abbiamo sempre saputo che era un po’ diversa quando era piccola, dato che era sempre amica delle ragazze e giocava con i giocattoli di Frozen. Ho altri due figli, i fratelli di Ella, due ragazzi cisgender che giocano in modo duro ma Ella non ha mai voluto unirsi a loro. All’età di sei anni voleva iniziare a indossare abiti da ragazza come gonne e vestiti. Devo ammettere che Ella è stata la nostra prima figlia e che essendo tutto ciò che sapevamo, ho pensato che potesse essere solo una fase. Un Halloween abbiamo deciso di lasciare che Ella scegliesse il suo costume e lei voleva essere una gatta, quindi indossava una gonna e orecchie di gatto. Nessuno di noi sapeva quale fosse la cosa giusta da fare, quindi abbiamo mostrato a Ella libri di persone trans perché non aveva le parole per dirlo. Alla fine, l’ha fatto. Ha detto: ‘Non sono un ragazzo, non mi sento così dentro”.

All’inizio, Nikki e Graham non erano sicuri di come elaborare i sentimenti della figlia.

“Eravamo così confusi”, ha ammesso Nikki, “ci chiedevamo se fosse troppo giovane e stavamo facendo la cosa giusta. Volevamo assicurarci che ciò che stavamo facendo non fosse dannoso o dannoso. Abbiamo organizzato una consultazione con uno psicologo del nostro centro locale di salute mentale per bambini, Reach Out Center for Kids, e si sono assicurati che stessimo facendo la cosa giusta. Da qui lasciamo che Ella prenda il comando. In prima elementare ha iniziato a usare i suoi pronomi, alla fine si è allungata i capelli e ha indossato abiti da ragazza. Ella si è arrabbiata quando i suoi capelli non stavano crescendo velocemente, ma a parte questo è una ragazza molto felice con un carattere ottimista ed è stata così per tutto il suo viaggio”.

Nikki ha anche creato una pagina sui social media per condividere il viaggio di transizione di Ella per ispirare altri genitori che stanno attraversando una situazione simile. Ha detto:

“Quando è passata ho trovato un sacco di risorse per i giovani ma non per i bambini. Nella maggior parte delle cliniche locali le regole sono che devi iniziare la pubertà prima di poter entrare e questo significa che Ella non si qualificherebbe. Voglio che i genitori sentano di avere uno spazio sicuro perché non avevamo nessun altro che ci aiutasse all’inizio del nostro viaggio. La mia pagina è per aumentare la consapevolezza dei bambini transgender e una comunità di supporto per i genitori”.

Commenti