Genitori spaventati da obesità, riducono figlia in fin di vita

Spaventati dall'obesità, due genitori hanno ridotto le porzioni di cibo della loro piccola, fino a ridurla a pelle e ossa. La bambina ha rischiato la vita. I due devono rispondere in Tribunale di abbandono di minori.

di Daniela Caruso 20 Novembre 2011 18:13

Una coppia di genitori residente nel Wisconsin era preoccupata che la propria figlia diventasse obesa e, per questo motivo, hanno pensato di darle delle razioni di cibo così minimali che la piccola ha guadagnato solo 5 chili dalla sua nascita, avvenuta quattordici mesi prima. I genitori, Christopher e Mary Sultze, sono stati accusati di abbandono di minori e ciascuno rischia fino a un anno di prigione e una multa $ 25.000 in caso di condanna. Christopher Sultze, 35 anni, è stato rilasciato dal carcere su cauzione a una condizione: non avere contatti con la bambina. La sua udienza preliminare è stata riprogrammata per la prossima settimana.

Mary Sultze, 36, ha rinunciato il suo diritto a un’udienza preliminare, in cambio della sua liberazione su cauzione in modo da poter vedere gli altri tre figli. E’ quanto ha dichiarato l’avvocato della donna, Brandt Swardenski. Anche a lei è stato ordinato di non avere contatti con la figlia, che a causa dei genitori ha rischiato di morire di fame. Secondo la denuncia penale, la figlia della coppia pesava poco più di 3 kg e 70 grammi in più da quando è nata nel luglio 2010, arrivando a pesare solo 5,90 kg lo scorso settembre. Un medico ha detto alla polizia che la bambina dovrebbe pesare quasi 10 kg, per l’età che ha. Un altro medico ha osservato che la bambina non aveva grasso sottocutaneo nel corpo e stava praticamente morendo di fame. I suoi genitori cominciarono irritarsi per l’attenzione che i medici davano al peso della bambina, gli stessi medici che hanno dato il via alla denuncia.

Dal canto loro, la bambina veniva sufficientemente nutrita, ma cresceva lentamente, proprio come avevano fatto gli altri figli. Ma le condizioni della piccola non miglioravano col tempo, con la possibilità che le sarebbero insorti gravi problemi di salute. Il medico di famiglia li ha convinti a portare la bambina all’ospedale pediatrico di Fox Valley per accertamenti. In ospedale, la bambina ha messo su 230 grammi: i genitori si sono giustificati che non volevano che la loro piccola diventasse obesa, e che per questo hanno deciso di ridurle le pappe giornaliere.

Commenti