Ex vescovo di Grosseto “Vendola gay, contro natura. Pecca più di Berlusconi”

di Gianni Monaco 26 Settembre 2011 16:07

Dopo le bordate di Emilio Fede, ecco quelle di Giacomo Babini. Il vescovo emerito di Grosseto torna a scagliarsi contro gli omosessuali e in particolare contro Nichi Vendola. Lo fa dalla rivista Pontifex, nota per le sue posizioni ultraconservatrici.

L’occasione per parlare di omosessualità l’hanno fornita i recenti scandali sessuali in cui è coinvolto Silvio Berlusconi. Secondo Banini, le critiche subite dal presidente del consiglio sono assolutamente ingiustificate. Il premier, nelle parole del vescovo emerito, sarebbe vittima di una sorta di congiura ordita dalle procure e dai giornali. “Penso che sarebbe utile lasciare governare e  aspettare che la recente manovra finanziaria dia i suoi frutti. Molti osservatori sembrano più intenzionati a fare cadere il governo che alla fedele aderenza alla realtà. Certo, Berlusconi non è un modello, ma non vedo nessuno più degno di lui”. Tanto meno Nichi Vendola, che Babini attacca con parole durissime e che non mancheranno di suscitare polemiche: “Io non ne posso più della retorica inutile di Vendola. Credo, da cattolico, che l’omosessualità praticata sia un peccato gravissimo e  contro natura, certamente peggiore di chi va con l’altro sesso. Vendola – ha aggiunto Babini – pecca molto di più di Berlusconi”.

Commenti