Ecco come i mouse degli uffici contengono più germi di una toilette

di Simona Vitale 4 Aprile 2012 23:41

Importante scoperta nel campo dell’igiene e che interesserà sicuramente gli amanti del computer. Il mouse del computer è mediamente tre volte più sporco di una tavoletta del wc, secondo un nuovo allarmante studio. I ricercatori hanno dato la colpa dei risultati ottenuti ai lavoratori che mangiano alle loro scrivanie, trasformando le loro postazioni di lavoro in terreno fertile per insetti e germi nocivi. E gli uomini sono molto più sporchi delle loro controparti femminili, con il 40% dei batteri in più che si annidano nei mouse degli uomini. Le tastiere sono la seconda voce più sporca in ufficio, davanti a telefoni e sedie. Initial Washroom Hygiene, che ha effettuato le prove, ha dimostrato inoltre come il mouse per computer abbia il doppio dei germi di una maniglia o dello sciacquone del bagno. I ricercatori hanno controllato 158 oggetti sequestrati dai 40 sportelli in tre sedi e hanno confrontato i risultati ottenuti con oggetti igienici presi da altri edifici.

Il manager Peter Barratt ha detto: “Ormai è prassi comune per gli impiegati spendere la loro pausa pranzo mangiando alla propria scrivania, spesso navigando sul web o continuando a scrivere allo stesso tempo. Questo lascia briciole e residui di altri prodotti alimentari in tutto il posto di lavoro, in particolare su mouse e tastiere, che li rende luoghi ideali per batteri e altri microrganismi consentendo loro di sopravvivere e moltiplicarsi. In aggiunta, perché sono apparecchi elettrici, questi elementi non vengono puliti regolarmente o in maniera più accurata come le altre parti dell’ufficio, o anche come le stesse scrivanie”.

Il mouse del computer non è l’unico oggetto quotidiano ad essere più sporco del sedile di un water. La ricerca ha scoperto più batteri sulle superfici di lavoro della cucina, sulle sedie dei ristoranti, sui carrelli della spesa ed infine anche sui pulsanti che quotidianamente premiamo per salire o scendere con l’ascensore.

Commenti