Donna ruba una scatoletta di tonno per fame: un anno di carcere

Il fatto risale al 4 settembre 2010 quando Luisa Bernard, 57 anni, e sua figlia Sara di 19, entrarono al Friul Market di Campoformido, in provincia di Udine.

di Simona Vitale 7 Dicembre 2012 11:49

Con sentenza pronunciata dal collegio giudicante del tribunale di Udine presieduto da Francesca Feruglio, una donna di 57 anni è stata condannata ad un anno di reclusione e al pagamento di 300 euro di multa per aver rubato qualche scatoletta di tonno, due tazzine e un paio di mutande. Valore della refurtiva, frutto della rapina al Friul Market di Campoformido, circa 30 euro. Un bottino magro che però è costato davvero tanto a Luisa Bernard.

Come riportato da Il Messaggero Veneto, era il pomeriggio del 4 settembre 2010, quando Luisa Bernard, e sua figlia Sara di 19 anni, entrarono nel supermercato lungo la Pontebbana, con l’intenzione di rubare qualcosa da mangiare per la troppa fame. Così madre e figlia, entrambe senza lavoro e senza soldi, raccolsero alcuni prodotti, prevalentemente generi alimentari e, dopo averli nascosti, oltrepassarono la cassa senza pagare.

Una delle commesse del supermercato aveva inseguito le due donne per strada ed è lì  che la 19enne aveva spinto la commessa per poi scappare. L’arrivo dei carabinieri di Basiliano e l’inseguimento delle due donne, fino a Cividale, ha poi condotto al loro arresto. La 19enne ha patteggiato una pena a 10 mesi e 20 giorni, insieme al risarcimento di una somma pari a 15 euro.

Ludovico Rinoldi, invece, per la 57enne sua assistita aveva chiesto l’assoluzione, manifestando, in seguito alla condanna, la volontà di ricorrere in appello:

Ritengo che non vi fossero gli estremi per una condanna per rapina, ma solamente il concorso anomalo e comunque è evidente che la figlia ha solo cercato di allontanare la commessa e non di spingerla.

Commenti