Muore suicida Dennis Avner, l’uomo gatto dello Show dei Record

Dopo decine e decine di operazioni chirurgiche costate oltre 100mila dollari, Cat Stalking si è tolto la vita nella sua casa in Nevada (USA).

di Simona Vitale 15 Novembre 2012 16:07

Si era sottoposto a decine e decine di operazioni chirurgiche per somigliare ad un gatto. Parliamo di Dennis Avner, 54 anni, che è stato trovato morto suicida nella sua casa in Nevada, probabilmente vittima della depressione. Dopo anni di sofferenze, era riuscito a trasformare il suo volto e il suo corpo in modo da somigliare il più possibile ad un felino. Il suo caso era stato analizzato nella trasmissione “Plastik – Ultrabellezza” condotto nel 2011 da Elena Santarelli. 

Avner era solito farsi chiamare con il nome indiano “Cat Stalking”. Discendente dagli indiani d’America, Avner dopo aver parlato con un capo indigeno ha seguito la sua indicazione, ovvero “Seguire la via della tigre”. Se consideriamo che l’aspettativa della vita di una tigre è in media di 9 anni, finendo per raggiunge i 16-18 anni in cattività, Dennis Avner è morto estremamente anziano.
Dennis Avner era anche un veterano della Marina degli Stati Uniti. A 23 anni si era fatto fare il primo tatuaggio: delle strisce di tigre sulla pelle. Da qui sono cominciate tutta una serie di dolorose operazioni chirurgiche e modifiche del corpo, costate oltre 100mila euro. Avner è arrivato anche a farsi ricostruire le unghie lunghe e i denti da felino.
Nel corso degli anni si era poi fatto tatuare il viso, si era fatto mettere dei piercing alla bocca e al naso in modo da riuscire a fissare i baffi artificiali. Senza conare l’impianto di silicone in alcune parti del viso per modificare sia le orecchie che gli occhi. La maggior parte delle operazini chirurgiche sono state effettuate da Steve Haworth, artista e specialista della body modification. Il suo caso era stato analizzato in molte trasmissioni trasmissioni televisive come il Larry King live. analizzato in molteplici trasmissioni tv, tra queste il Larry King live. L’Uomo Gatto è stato anche protagonista del film documentario “Modify” e spesso ha dichiarato di aver trovato la fama, ma mai la felicità. Shannon Larratt, ex direttore ed editore di BMEzine e amico di Avner, ha scritto sul blog: “Era una persona meravigliosa e complessa, la sua vita era travagliata ma era molto intelligente”.
Commenti